Call Us +39 011 55.84.111

  • R&P Legal

    Spirito di squadra, conoscenza del business dei clienti, visione strategica, disponibilità, passione, fondamento etico, costo compatibile.

  • Puntiamo sulla competenza

    R&P Legal è uno studio italiano full service, indipendente e con primarie connessioni internazionali, fondato nel 1949.

  • Trattiamo con il mondo... da vicino

    Contiamo su un’articolata rete di primari studi legali di comprovata esperienza nelle principali giurisdizioni estere.

R&P Legal è uno studio legale indipendente, fondato nel 1949, con sette sedi in Italia e con primarie connessioni internazionali, dove lavorano più di centocinquanta professionisti qualificati che forniscono assistenza full service.

Ultime notizie

Prev Next

Pedersoli Studio Legale con Chiorino nell’acquisizione del 100% di Kruse

La Redazione - avatar La Redazione - 05-08-2020 - Corporate M&A

Pedersoli Studio Legale ha assistito Chiorino S.p.A., società leader nella produzione di nastri di trasporto e di processo, nell’acquisizione del 100% del capitale sociale di Kruse S.r.l., società che produce e commercializza lastre di verniciatura, teli gommati per stampa offset, panni lavacaucciù e chimici per sala stampa e accessori.

Leggi tutto

Gli obblighi degli amministratori e la salvaguardia della continuità operativa d…

Paolo Grandi - avatar Paolo Grandi - 04-08-2020 - Corporate M&A

La finalità principale di molte delle misure attuate dal Governo italiano durante la crisi legata alla pandemia del Covid-19 è stata quella di tentare di evitare l’interruzione dell’attività delle imprese (ad esempio le norme in materia concorsuale che prevedono l’improcedibilità delle dichiarazioni di fallimento e la rimodulazione dei termini delle procedur...

Leggi tutto

R&P Legal nomina tre nuovi soci

La Redazione - avatar La Redazione - 03-08-2020 - News

R&P Legal ha nominato tre nuovi soci: gli avvocati Natalia Bagnato, esperta di Navigazione & Trasporti, Marco Gardino, esperto di Corporate ed M&A, Federica Pastorino, esperta di Corporate ed M&A. Natalia Bagnato è entrata nello studio nel 2010 facendo parte del team di Navigazione & Trasporti della sede di Roma, Marco Gardino ha iniziat...

Leggi tutto

Clausole claims made: il test della Cassazione al vaglio della giurisprudenza di…

Claudio Perrella - avatar Claudio Perrella - 31-07-2020 - Assicurazioni

di Claudio Perrella e Daniele D'Antonio Con la ormai nota pronuncia 22437 del 24 settembre 2018 le Sezioni Unite della Cassazione hanno delineato un nuovo test di “idoneità” della clausola claims made, al fine di valutare se nel caso specifico la pattuizione sia equilibrata. Alcune recentissime decisioni della Suprema Corte hanno peraltro dato indicazioni ...

Leggi tutto

Nasce ResQ, associazione Onlus per il salvataggio di vite umane in mare

La Redazione - avatar La Redazione - 31-07-2020 - Charities & Social Enterprises

A Milano, mercoledì 29 luglio 2020, è stata presentata la neocostituita ResQ, associazione Onlus per il salvataggio di vite umane in mare. L’associazione, che vede Emiliano Giovine del team Charity & Social Enterprises tra i soci fondatori e i membri del Consiglio Direttivo, nasce da un gruppo di amici e professionisti di varia estrazione e competenza...

Leggi tutto

L’avvocato Riccardo Rossotto intervistato da euromerci.it

La Redazione - avatar La Redazione - 29-07-2020 - News

Durante un’intervista pubblicata su euromerci.it, mensile online dedicato al settore della logistica, l’avvocato Riccardo Rossotto, senior partner di R&P Legal, affronta diversi temi legati all’attualità e al futuro del nostro Paese. Link alla fonte

Leggi tutto

Decreto Semplificazione: un’agevolazione agli aumenti di capitale sociale?

Fabrizio Iliceto - avatar Fabrizio Iliceto - 28-07-2020 - Corporate M&A

di Fabrizio Iliceto e Alfredo Della Bella In data 16 luglio 2020, il Governo ha approvato il decreto-legge n. 76 (il “Decreto Semplificazioni”), al fine di introdurre misure urgenti per la semplificazione e per l’innovazione digitale. Fra le misure più rilevanti per le imprese spicca l’art. 44 (rubricato Misure a favore degli aumenti di capitale), che intr...

Leggi tutto

Decreto Rilancio e procedure di trasferimento d’azienda: sempre più strategico i…

Roberto Testa - avatar Roberto Testa - 28-07-2020 - Contratti d'Impresa

di Roberto Testa e Mario Enrico Gatti Il 18 luglio 2020 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge n. 77 di conversione, con modificazioni, del c.d. Decreto Rilancio (D.L. 34/2020) recante misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19. Fra queste ...

Leggi tutto

Recupero crediti e patrimonio incapiente: quale tutela se il debitore cede i suo…

Daniele D'Antonio - avatar Daniele D'Antonio - 24-07-2020 - Recupero Crediti & Esecuzioni

Nel corso dei rapporti commerciali, soggetti privati, imprenditori o società che attraversano condizioni di temporanea difficoltà potrebbero decidere di trasferire i propri beni per procurarsi nuova liquidità. Tale scenario, già ricorrente, sembra destinato a verificarsi sempre più spesso a causa dell’impatto della pandemia da Covid-19 sull’economia mondial...

Leggi tutto

R&P Legal con il Gruppo Iren per l’acquisto delle partecipazioni Nord Ovest …

La Redazione - avatar La Redazione - 24-07-2020 - Corporate M&A

Il Gruppo Iren ha concluso per il tramite di Ireti S.p.A. e Amiat S.p.A. l’acquisizione della partecipazione pari al 50% della società Nord Ovest Servizi S.p.A (NOS) e per il tramite di Iren Energia S.p.A, l’acquisizione del 28% delle quote azionarie di Asti Energia e Calore S.p.A. (AEC), entrambe detenute da ASTA S.p.A., società del Gruppo C.I.E. (Compagnia...

Leggi tutto

Le garanzie internazionali nel settore dei macchinari e degli impianti industria…

Alessandro Paci - avatar Alessandro Paci - 24-07-2020 - Contratti d'Impresa

Nella prassi internazionale la fornitura di macchinari e impianti è spesso accompagnata dall’apertura di garanzie a tutela delle parti nel caso di mancata (o ritardata) esecuzione degli impegni previsti dal contratto. L’articolo fa il punto sulle recenti tendenze di settore, individuando le tipologie di garanzie più utilizzate ed offrendo suggerimenti prati...

Leggi tutto

Le misure sul trasporto aereo passeggeri introdotte dal Decreto Rilancio

Anna Masutti - avatar Anna Masutti - 24-07-2020 - Navigazione e Trasporti

di Anna Masutti e Francesco Mascolo Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Legge n. 77/2020 sono divenute definitive le misure introdotte nel settore del trasporto aereo dagli artt. 198, 202 e 203 del Decreto Legge n. 34 del 19 maggio 2020 (c.d. Decreto Rilancio). Nel dettaglio, l’art. 198 prevede l’istituzione di un Fondo di 130 milioni di euro ...

Leggi tutto

Confindustria Moda presenta la nuova pubblicazione sui contratti internazionali …

Paolo Grandi - avatar Paolo Grandi - 22-07-2020 - Contratti d'Impresa

di Paolo Grandi e Paola Iacovino Confindustria Moda, insieme allo studio legale R&P Legal e Beijing DHH Law Firm, ha presentato la nuova pubblicazione sui contratti internazionali nel mondo della moda. La pubblicazione, composta da una parte generale esplicativa delle clausole contrattuali fondamentali, comprende altresì una parte speciale dedicata ai ...

Leggi tutto

La business judgment rule in fase di startup

Stefano Chiarva - avatar Stefano Chiarva - 21-07-2020 - Corporate M&A

Il Tribunale di Roma con la sentenza del 6 aprile 2020 è intervenuto sulla questione della business judgement rule con particolare riferimento alle scelte organizzative della società. Nel caso di specie, sono stati contestati all’amministratore delegato ed al direttore generale di una società, la cui attività non era ancora iniziata, alcune scelte organizzat...

Leggi tutto

Cooperative sociali e bilancio sociale: il nuovo schema della regione Veneto

Federico Longo - avatar Federico Longo - 21-07-2020 - Charities & Social Enterprises

Lo scorso 23 giugno 2020 è stata approvata la Deliberazione n. 815 della Giunta regionale del Veneto avente ad oggetto “Individuazione di uno schema tipo di bilancio sociale per le cooperative sociali e i loro consorzi con sede legale nella regione del Veneto”. Le cooperative sociali, riconosciute come imprese sociali di diritto, sono infatti tenute – ai se...

Leggi tutto

La corretta acquisizione e gestione del consenso ai fini privacy come presuppost…

Chiara Agostini - avatar Chiara Agostini - 21-07-2020 - Privacy & Data Protection

Con il provvedimento emesso lo scorso 9 luglio, che ha visto Wind sanzionata per quasi 17 ml di euro, il Garante Privacy ha confermato l’importanza di strutturare l’attività di marketing nel rispetto del GDPR.

Leggi tutto

Corruzione e utilità nel mondo farmaceutico. Interpretazioni contrastanti per di…

Piero Magri - avatar Piero Magri - 21-07-2020 - Criminal Law

In un caso di corruzione nella sanità, il Tribunale di Milano ha recentemente depositato una sentenza (Trib. Milano, Sez. X, 3 marzo 2020, depositata il 30 giugno 2020) nella quale ha evidenziato, da una parte, che l’invio in massa e il carattere d’uso del regalo nell’ambito della medesima azienda sanitaria da parte della casa farmaceutica, “inducono a esclu...

Leggi tutto

Fine convivenza di fatto: quali somme vanno restituite all’ex?

Maria Grazia Passerini - avatar Maria Grazia Passerini - 21-07-2020 - Famiglia e Successioni

Il caso deciso dalla Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 11303/2020 riguarda un uomo e una donna, conviventi di fatto per oltre trent’anni, che insieme avevano avuto anche un figlio. L’uomo, nel corso della relazione, aveva ricevuto centinaia di migliaia di euro dalla compagna, somme non compatibili con la normale conduzione del ménage famigliare...

Leggi tutto

Gianluca Morretta relatore al webinar organizzato da UIBM, EUIPO e Innexta in ma…

La Redazione - avatar La Redazione - 20-07-2020 - Intellectual Property

L’avvocato Gianluca Morretta parteciperà, in veste di relatore, al webinar organizzato il 22 luglio 2020 da UIBM, EUIPO e Innexta in collaborazione con la Camera di Commercio di Verona in materia di “Blockchain per la tutela del made in Italy: le potenzialità nel settore agrifood” trattando il tema “Agrifood come palestra di innovazione: come ottenere un van...

Leggi tutto

Il condominio non ha potere per imporre interventi alle singole proprietà

Daniele Merighetti - avatar Daniele Merighetti - 16-07-2020 - Responsabilità Civile e Risarcimento Danni

La Sezione II della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 14300 del 8 luglio 2020, ha stabilito che, in tema di condominio di edifici, i poteri dell’assemblea non possono invadere la sfera di proprietà dei singoli condomini, sia in ordine alle cose comuni che a quelle esclusive, tranne che una siffatta invasione sia stata da loro espressamente e specificat...

Leggi tutto

Anthilia sottoscrive tranche bond Brazzale da 4 milioni

La Redazione - avatar La Redazione - 15-07-2020 - Banking & Finance

Anthilia BIT III e Anthilia BIT IV Co-Investment Fund hanno sottoscritto la seconda tranche, pari ad un valore complessivo di 4 milioni di euro, del prestito obbligazionario emesso dal gruppo Brazzale, realtà attiva nel settore della produzione di burro e formaggi. L’emissione della seconda tranche, si legge in un comunicato, fa seguito alla prima tranche, ...

Leggi tutto

R&P Legal con Vimar 1991 nella cessione dell’attività al Gruppo Chanel

La Redazione - avatar La Redazione - 14-07-2020 - News

R&P Legal e Stelé & Partners hanno rappresentato, rispettivamente, Vimar 1991 e Chanel nella transazione. Vimar 1991, società con sede in Carisio, nel vercellese, ha confermato l’acquisizione dell’attività di creazione, sviluppo e produzione di filati da parte di Chanel.   Lo studio R&P Legal ha assistito Vimar 1991 con la partner Anna Frument...

Leggi tutto

Nasce Ri-Generiamo Società Benefit

La Redazione - avatar La Redazione - 08-07-2020 - Charities & Social Enterprises

È stata presentata ieri “Ri-Generiamo”, una nuova società benefit nata dalla collaborazione tra l’Associazione Bricolage del Cuore, la Cooperativa Sociale Agricoltura Capodarco, la Cooperativa Sociale Liberitutti, l’Impresa Sociale Con Voi Lavoro, con il supporto di Leroy Merlin. All’evento di presentazione hanno partecipato, fra gli altri, il Prof. Enrico G...

Leggi tutto

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto di recepimento della Direttiva PIF

Letizia Catalano - avatar Letizia Catalano - 08-07-2020 - Criminal Law

Il 15 luglio scorso è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D. Lgs. 14 luglio 2020, n. 75 (in vigore dal 30 luglio prossimo) recante “Attuazione della direttiva (UE) 2017/1371, relativa alla lotta contro la frode che lede gli interessi finanziari dell'Unione mediante il diritto penale” ovvero il provvedimento di recepimento della Direttiva UE 2017/1371 (...

Leggi tutto

ONU: le donne come leader e decision maker per il post Covid-19

Natalia Bagnato - avatar Natalia Bagnato - 08-07-2020 - Charities & Social Enterprises

di Natalia Bagnato e Federico Longo Il 9 aprile scorso l’ONU ha presentato un interessante report lanciando un allarme globale in tema di equità di genere. La pandemia in atto sta mettendo in pericolo anni di progressi sociali ed è pertanto necessario, come espressamente dichiarato dal segretario generale António Guterres, che tutti i Governi mettano le don...

Leggi tutto

Le ispezioni del Garante Privacy nel 2019

Chiara Agostini - avatar Chiara Agostini - 07-07-2020 - Privacy & Data Protection

di Chiara Agostini e Giacomo Pataracchia Quante sono state le ispezioni del Garante Privacy nel 2019? È previsto un programma delle ispezioni?  Le ispezioni del Garante Privacy nel 2019 sono state 147 sulla base di programmi elaborati secondo linee di indirizzo stabilite internamente dal Garante Privacy.  Le linee generali della programmazione dell’attivi...

Leggi tutto

R&P Legal con Asla in un webinar antiriciclaggio

La Redazione - avatar La Redazione - 07-07-2020 - Criminal Law

L’avv. Benedetta Guastoni, associate del dipartimento penale dello studio, parteciperà come relatore al webinar organizzato da Asla in tema di adempimenti antiriciclaggio per gli studi legali.

Leggi tutto

Uso del marchio altrui su siti internet di terzi: per l’illecito serve un compor…

Nicola Berardi - avatar Nicola Berardi - 07-07-2020 - Intellectual Property

“Una persona che opera nel commercio e che ha fatto pubblicare su un sito Internet un annuncio recante pregiudizio al marchio altrui, non usa un segno identico a tale marchio, qualora i gestori di altri siti Internet riprendano tale annuncio inserendolo on-line, di propria iniziativa e a nome proprio, su tali altri siti”. Con questa motivazione, la Corte di...

Leggi tutto

R&P Legal con il gruppo Polygon per l’acquisizione di Recotech s.r.l.

La Redazione - avatar La Redazione - 03-07-2020 - Corporate M&A

Il gruppo svedese Polygon, leader europeo nel ramo “property damage control”, già presente in 16 stati, entra nel mercato italiano attraverso l’acquisizione di Recotech s.r.l., primario operatore italiano del settore con sede a Firenze. Il gruppo Polygon e il socio di riferimento di Recotech, Sergio Signorini, hanno sottoscritto un accordo vincolante in data...

Leggi tutto

R&P Legal con “DA VERONA ACCENDIAMO LA MUSICA"

La Redazione - avatar La Redazione - 02-07-2020 - TMT - Media Entertainment

La musica riparte da Verona con un progetto straordinario per un momento straordinario, dal titolo “Da Verona accendiamo la musica”. Un progetto artistico e sociale per la musica italiana, lanciato da Music Innovation Hub Spa – Impresa Sociale (MIH), organizzato e prodotto dalle più importanti agenzie italiane di musica dal vivo - Friends&Partners, Live...

Leggi tutto

“Decreto Rilancio” - Novità anche per le società benefit

Roberto Randazzo - avatar Roberto Randazzo - 02-07-2020 - Charities & Social Enterprises

Novità anche per le società benefit, nell’ambito degli emendamenti approvati dalla commissione Bilancio della Camera al cd. “Decreto Rilancio” (D.lgs. 34/2020). In particolare, l’articolo 38 bis prevede il riconoscimento di un contributo - sotto forma di credito d'imposta - nella misura del 50% dei costi di costituzione o trasformazione in società benefit, ...

Leggi tutto

La presenza di una fotografia in rete senza indicazione dell’autore non può far …

Nicola Berardi - avatar Nicola Berardi - 02-07-2020 - Intellectual Property

“L'oggetto della fotografia e le modalità in cui è stata realizzata, da un elicottero della Guardia di Finanza impegnato in una operazione di salvataggio, depongono per la sua inclusione nella categoria del reportage fotografico; né si evincono dalla stessa elementi di segno diverso, rivelatori della sua natura artistica, quali, indicativamente, la predispos...

Leggi tutto

Data breach e relazione annuale del Garante Privacy: cosa sappiamo?

Chiara Agostini - avatar Chiara Agostini - 01-07-2020 - Privacy & Data Protection

di Chiara Agostini e Giacomo Pataracchia Quanti data breach sono stati segnalati al Garante Privacy nel 2019 e da parte di chi? Nel 2019 sono pervenute al Garante Privacy 1.443 notifiche di data breach che hanno riguardato: soggetti pubblici (nel 27% dei casi); e soggetti privati (nel restante 73%). Quali sono state le tipologie di data breach più...

Leggi tutto

Crediti Italia e all’Export e soluzioni di Cashflow Management

Alessandro Paci - avatar Alessandro Paci - 01-07-2020 - Contratti d'Impresa

Venerdì 3 luglio alle 11, l’avvocato Alessandro Paci sarà relatore nel webinar "Crediti Italia e all’Export e soluzioni di Cashflow Management " Si tratta di un incontro dedicato al tema della gestione dei rischi finanziario, di credito e liquidità per le imprese italiane...

Leggi tutto

Prodotto difettoso: se il venditore non lo ripara/sostituisce in tempi congrui, …

Margherita Vialardi - avatar Margherita Vialardi - 29-06-2020 - Responsabilità Civile e Risarcimento Danni

Con la sentenza n. 10453/2020 la Corte di Cassazione afferma la possibilità per il consumatore di accedere al rimedio della risoluzione di contratto, anche in caso di difetto di lieve entità se il venditore, pur potendo, non ha provveduto entro un tempo congruo a sostituire o a riparare il prodotto ovvero se tali interventi non si siano dimostrati risolutivi...

Leggi tutto

Letti e vacanze separate: è davvero esclusa la riconciliazione tra coniugi?

Maria Grazia Passerini - avatar Maria Grazia Passerini - 26-06-2020 - Famiglia e Successioni

Due coniugi si separano nel 2003, ma il Tribunale di primo grado non pronuncia il divorzio accogliendo la tesi dell’avvenuta riconciliazione tra i coniugi. La Corte d'appello di Milano si pronuncia in maniera analoga al Tribunale e il caso arriva al vaglio della Cassazione. Il Tribunale aveva rilevato che, affinché vi sia riconciliazione tra i coniugi a se...

Leggi tutto

Abbandono del tetto coniugale: nessun addebito se la convivenza era già intoller…

Maria Grazia Passerini - avatar Maria Grazia Passerini - 24-06-2020 - Famiglia e Successioni

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 12241/2020, si è nuovamente pronunciata in merito all’addebito della separazione, in particolare nel caso di abbandono della casa coniugale da parte di un coniuge. Se l’abbandono della casa familiare avviene in un momento in cui la prosecuzione della convivenza è già divenuta intollerabile a causa del comportamento...

Leggi tutto

Alessi diventa “Società benefit”

La Redazione - avatar La Redazione - 24-06-2020 - Charities & Social Enterprises

R&P Legal ha supportato la Alessi Spa nel percorso che ha portato all’acquisizione della qualifica di “società benefit”, ai sensi della legge 208/2015. Alessi S.p.a., che di recente ha anche ottenuto anche la certificazione B Corp, ha inteso prevedere nel proprio statuto l’impegno a perseguire specifiche finalità di “beneficio comune”, consapevole di sv...

Leggi tutto

Ebook - La responsabilità per i danni da prodotto difettoso

La Redazione - avatar La Redazione - 23-06-2020 - Assicurazioni

L’Ebook affronta il tema della responsabilità da prodotto difettoso, esaminando in dettaglio la più recente giurisprudenza - italiana ed europea - in materia con un focus sulle coperture assicurative nel settore RC Prodotti e le implicazioni di natura processuale (azione diretta nei confronti dell’assicuratore, i danni coperti e le più comuni estensioni di p...

Leggi tutto

Censimento ISTAT: come sta evolvendo la sostenibilità nelle imprese italiane?

Natalia Bagnato - avatar Natalia Bagnato - 22-06-2020 - Charities & Social Enterprises

di Natalia Bagnato e Federico Longo Il 12 giugno 2020 l’ISTAT ha pubblicato il report sulla “Sostenibilità nelle imprese: aspetti ambientali e sociali” che, pur facendo riferimento a dati relativi al 2018, fornisce un’interessante retrospettiva che aiuta a comprendere come la tendenza ad adottare buone pratiche volte al miglioramento del benessere lavorativ...

Leggi tutto
Emiliano Giovine

Emiliano Giovine

Si occupa prevalentemente di assistenza e consulenza in materia di progettazione europea.

Profilo: http://rep-mirror.projethica.com/it/professionisti/tutti-i-collaboratori/350-emiliano-giovine.html

Il “Decreto Rilancio” e la “regolarizzazione” della manodopera migrante: un mezzo passo avanti

La diffusione del contagio da COVID-19 in Italia e le misure restrittive imposte a gran parte delle attività produttive, hanno rimesso al centro del dibattito politico l’annoso ed irrisolto tema del diffuso impiego di manodopera migrante, spesso irregolare e priva di tutele contrattuali in alcuni settori cruciali come l’agricoltura, l’assistenza alla persona e il lavoro domestico.

Tra gli elementi più dibattuti del nuovo “Decreto Rilancio” - decreto legge 19 maggio 2020, n. 34, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 19 maggio 2020, contenente “Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19” – vanno annoverate proprio le disposizioni dell’art. 103 relative a ciò che impropriamente è stata definita una “regolarizzazione” o addirittura una “sanatoria” per la manodopera migrante irregolare in Italia. Si tratta senza dubbio di una svolta significativa per il contesto italiano, nel quale trovano ancora applicazione norme fortemente restrittive, tra cui la legge 30 luglio 2002, n. 189 (“Bossi-Fini”) e i due recenti Decreti Sicurezza a firma dell’ex Ministro dell’Interno Salvini. La portata dell’art. 103 va però ridimensionata e circoscritta. Si tratta infatti di un provvedimento assai limitato nel tempo, nei destinatari e probabilmente anche nell’efficacia.

DUE DILIGENCE ESG SULLA SUPPLY CHAIN – PASSI AVANTI VERSO UN OBBLIGO COMUNITARIO

La Commissione Europea ha pubblicato un importante report intitolato “Study on due diligence requirements through the supply chain” da cui emerge un significativo sforzo comunitario per l’identificazione, la prevenzione e la mitigazione degli impatti negativi prodotti dall’impresa.

Partendo da sondaggi, interviste e case studies, lo studio analizza numerose best practices in tema di due diligence condotte dalle imprese per poi proseguire con la disamina dell’attuale panorama normativo di soft law e hard law a livello europeo e nazionale su cui fondare, nel prossimo futuro, possibili iniziative legislative comunitarie.

Le Nazioni Unite istituiscono il primo Multi-Partner Trust Fund a sostegno della migrazione ordinata, sicura, regolare e responsabile

L’8 maggio a Ginevra, i Direttori Generali delle otto organizzazioni delle Nazioni Unite che costituiscono Executive Committee of the UN Network on Migration hanno sottoscritto un accordo per l’istituzione di uno Start-up Fund for Safe, Orderly and Regular Migration, uno strumento di finanziamento unico nel suo genere, per sostenere la cooperazione internazionale in materia di migrazione. Conosciuto anche come Migration Multi-Partner Trust Fund (Migration MPTF), questo meccanismo dovrebbe fornire un forte incentivo allo sviluppo di nuove progettualità ed al completamento di progetti in corso nonché favorire una maggiore cooperazione nel perseguimento e gestione di politiche migratorie corrette e sostenibili.

Codice del Terzo Settore: arrivano le prime indicazioni dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

A fronte dei numerosi interrogativi, sia sul piano civilistico che fiscale, emersi a seguito dell’approvazione del D. Lgs. n. 117/17 con cui è stato introdotto nel nostro ordinamento il Codice del Terzo Settore, il 29 dicembre 2017, la Direzione Generale del terzo settore e della responsabilità sociale delle imprese del Ministero del Lavoro e dello Sviluppo Economico ha fornito le prime indicazioni riguardanti le questioni di diritto transitorio.

In particolare il Ministero, che focalizza la propria attenzione principalmente su Associazioni di Promozione Sociale (APS) e Organizzazioni di Volontariato (ODV), chiarisce ad esempio come, anche sulla base delle previsioni contenute all’interno del Codice del Terzo Settore, fino all’operatività del Registro unico nazionale del Terzo settore “le iscrizioni agli attuali registri (a titolo meramente esemplificativo, ai registri regionali del volontariato) continueranno ad essere regolate dalle norme procedimentali in essere”.  

Fra i numerosi temi affrontati, anche quello relativo alla denominazione sociale degli enti. Il Ministero precisa che, mentre per Aps, OdV - e per gli altri enti iscritti in uno dei registri attualmente previsti dalle normative di settore - non sorge alcun problema un discorso diverso deve essere fatto per gli enti non rientranti nelle categorie sopra indicate. Poiché, infatti, la qualificazione giuridica di ente del Terzo settore, discende dall'iscrizione nel registro unico, l’acronimo ETS, anche se inserito nella denominazione sociale, non sarà spendibile “nei rapporti con i terzi, negli atti, nella corrispondenza e nelle comunicazioni con il pubblico”.

La circolare precisa inoltre che è attualmente in corso un approfondimento congiunto con l’Agenzia delle Entrate con riferimento agli enti in possesso della qualifica di ONLUS.

Link alla fonte

Obbligo di ricerca e salvataggio ed economia del mare

Il tema degli sbarchi sulle coste italiane, delle affannose operazioni di ricerca e salvataggio in mare e dei sempre più frequenti naufragi è ormai di quotidiana attualità. Soltanto nel 2016 sono state soccorse quasi 180.000 persone nelle acque del Canale di Sicilia. Di queste, circa il 70% sono state tratte in salvo da imbarcazioni organizzazioni non governative, Marina Militare, Guardia Costiera e Frontex. Il restante 30% si è visto invece soccorrere da navi mercantili o comunque appartenenti a soggetti privati, le quali, in forza delle norme di diritto del mare, sono chiamate ad intervenire in soccorso delle persone in difficoltà al pari delle imbarcazioni militari o governative. Quest’ultimo dato, vista anche la tragicità degli episodi, raramente emerge dalla cronaca dei fatti. Si tratta però di un tema che merita un’attenta riflessione. A causa del flusso inarrestabile di migranti provenienti dal nord Africa, l’incidenza economica oltre che operativa delle operazioni di soccorso sta infatti assumendo, soprattutto per le imbarcazioni commerciali, una portata mai vista.

Nel nostro breve approfondimento evidenzieremo gli obblighi giuridici legati al dovere di soccorso in mare, soffermandoci poi sulle connesse implicazioni di carattere economico, nonché su alcuni aspetti contrattuali di rilievo per gli armatori delle navi mercantili.

EUNAVFOR MED operazione Sophia, istituita dal Consiglio dell’Unione europea con la decisione del 18 maggio 2015 n. 778 - e ufficialmente denominata Forza navale mediterranea dell'Unione europea - è nata proprio al fine di contrastare il traffico di esseri umani nel Mediterraneo e di ridurre le situazioni di pericolo e quindi il numero delle operazioni di ricerca e soccorso in mare. L’operazione Sophia è infatti autorizzata ad adottare misure per “individuare, fermare e mettere fuori uso imbarcazioni e mezzi usati o sospettati di essere usati […] trafficanti. In particolare, la decisione n. 778 del 2015 contempla, l’obbligo di ricerca e salvataggio in mare, con un esplicito richiamo al diritto internazionale applicabile: “Le convenzioni UNCLOS, SOLAS e SAR comprendono l'obbligo di assistere le persone in pericolo in mare e di condurre i sopravvissuti in un luogo sicuro e, a tal fine, le imbarcazioni assegnate a EUNAVFOR MED saranno pronte ed equipaggiate per assolvere ai relativi compiti sotto la guida del competente centro di coordinamento del salvataggio”.

Dal bilancio del primo anno dell’operazione Sophia, è emerso un progressivo coinvolgimento nelle operazioni di salvataggio delle imbarcazioni EUNAVFOR MED, con il recupero di 3078 migranti. Numeri significativi se pur insufficienti a permettere un’effettiva riduzione del coinvolgimento di imbarcazioni private.

Per meglio comprendere la criticità del fenomeno per le navi mercantili, basti menzionare che l’obbligo di ricerca e salvataggio in mare grava sul Comandante di ciascuna nave e, dunque, rientra nella sfera di competenza dello Stato di bandiera della nave che si trova in quella situazione.                          

L’obbligo è, infatti, quello che deriva dalle convenzioni rilevanti in materia, in particolare UNCLOS, SOLAS e SAR.

Più precisamente:

  • l’art. 98 dell’UNCLOS secondo cui ciascuno Stato è tenuto a richiedere ad ogni Comandante di una nave che batta la sua bandiera, nei limiti del possibile e senza che la nave, l’equipaggio e i passeggeri corrano gravi rischi, di prestare, il più presto possibile, soccorso e assistenza a chiunque si trovi in pericolo in mare, nei limiti della ragionevolezza dell’intervento; prevedendo poi al secondo comma che gli Stati costieri creino e curino il funzionamento di un servizio permanente di ricerca e di salvataggio adeguato ed efficace per garantire la sicurezza marittima e, se del caso, collaborino a questo fine con gli Stati vicini nell’ambito di accordi regionali.
  • Le Convenzioni SOLAS e SAR, che integrano e rafforzano tali oneri a carico del Comandante, degli Stati di bandiera e degli Stati costieri. La SOLAS impone ad ogni comandante di nave che si trovi nella posizione di poter prestare assistenza, avendo ricevuto informazione da qualsiasi fonte circa la presenza di persone in pericolo in mare, di procedere con tutta rapidità alla loro assistenza, se possibile informando gli interessati o il servizio di ricerca e soccorso del fatto che la propria nave sta effettuando tale operazione. La Convenzione SAR impone invece un preciso obbligo di soccorso e assistenza alle persone in mare, a prescindere dalla nazionalità, dallo status giuridico o dalle circostanze in cui tali persone si trovano, sancendo altresì l’obbligo di sbarcare le persone soccorse in un “luogo sicuro”.

Gli individui salvati, poi, devono essere trasportati, a carico dell’armatore, in un luogo sicuro, definito come:“… a location where rescue operations are considered to terminate, and where: the rescued persons’ safety of life is no longer threatened; basic human needs (such as food, shelter and medical needs) can be met; and transportation arrangements can be made for the rescued persons’ next or final destination”.

Con l’entrata in vigore, nel luglio 2006, degli emendamenti alle convenzioni SAR e SOLAS e con le linee guida adottate in concomitanza dall’IMO si è chiarito che “Parties shall co-ordinate and co-operate to ensure that masters of ships providing assistance by embarking persons in distress at sea are released from their obligations with minimum further deviation from the ships’ intended voyage, provided that releasing the master of the ship from the obligations does not further endanger the safety of life at sea”.

Tali indicazioni non costituiscono però un vincolo cogente in sede di scelta del luogo sicuro e quindi di sbarco.  La decisione finale deve essere coordinata dal Centro di coordinamento per il salvataggio in mare (MRCC) competente per l’area in cui è avvenuto il salvataggio.

Lo Stato responsabile per la regione SAR all’interno della quale sono stati recuperati i sopravvissuti ha quindi l’onere di fornire un luogo sicuro o di assicurare che tale luogo venga fornito: i soccorritori, chiunque essi siano, hanno l’obbligo giuridico di adeguarsi, con la massima urgenza, a tale scelta.

A fronte di tali obblighi e in considerazione della crescita esponenziale del problema migranti,  non può essere di certo sottovalutato l’impatto economico che ricade in capo agli armatori e, conseguentemente, macroscopicamente considerato sulla cosiddetta economia del mare.

 

Infatti, se da un lato le navi mercantili sono oggi obbligate a prestare assistenza, ormai per un obbligo normativo, confermativo di un dovere morale, dall’altro lato occorrerà considerare che le navi coinvolte potrebbero trovarsi in estreme difficoltà nell’adempiere a tali obblighi. Infatti, da un lato segnaliamo difficoltà di tipo operativo atteso che, ai sensi della SOLAS, è fatto obbligo a tutte le navi di avere pronti a bordo piani e procedure per operazioni di soccorso, ma che tali obblighi non sono certo stati imposti per il tipo di operazioni che il soccorso ai barconi di migranti impone. Dall’altro, rileviamo potenziali rischi in termini economici considerando che le stesse navi potrebbero essere costrette a subire ingenti danni diretti e indiretti (danni al carico deperibile dovuti al ritardo del viaggio, danni materiali alla nave, ritardi a livello commerciale etc…) senza alcuna garanzia normativa in ambito di risarcimento e/o rimborso dei costi sostenuti e ciò, ancor di più, quando gli Stati coinvolti non offrano immediata assistenza.  

In considerazione della complessità tipica del contratto di trasporto di merci via mare, le figure coinvolte nell’assunzione di tali rischi potrebbero variare in relazione ai contratti sottostanti all’impiego commerciale della nave.

Più precisamente occorre considerare che vettore della spedizione può essere sia il soggetto proprietario e armatore della nave (Registered owner) o, più frequentemente, altro soggetto che abbia acquisito da questi la disponibilità commerciale della nave. Semplificando, si distinguono, in tal modo, l’armatore non proprietario che abbia stipulato con quest’ultimo un contratto di locazione a scafo nudo (bare boat charter), armando ed equipaggiando la nave e impiegandola in attività di trasporto e il noleggiatore a tempo (time charterer), che abbia acquisito la disponibilità commerciale dall’armatore ogni qual volta quest’ultimo desideri trarre un profitto dal bene nave (acquisizione del nolo), ma non voglia esercitare attività di trasporto. In questo caso l’armatore noleggiante stipulerà – tipicamente – un time charter con un noleggiatore che diventerà vettore della spedizione. Acquisita in uno dei modi suddetti la disponibilità commerciale della nave, il vettore stipulerà con il proprietario del carico (caricatore) un contratto di trasporto (voyage charter) usualmente documentato da una polizza di carico (bill of lading).

Stante la molteplicità di soggetti che potrebbero essere coinvolti nel viaggio marittimo, sembra opportuno che il rischio connesso alle operazioni di salvataggio dei migranti sia valutato e ripartito tra tutte le parti coinvolte e per fare ciò occorrerà includere nei vari contratti delle clausole ad hoc, in particolare per specificare la suddivisione delle eventuali spese.  

Tali clausole potranno essere pattuite sia nel contratto di trasporto stipulato tra caricatore-proprietario e vettore o nella polizza di carico, che nel  time charter e nel bare boat charter, oltre che in qualsiasi eventuale subcontratto della catena, anche utilizzando i più diffusi formulari a livello internazionale tra cui quelli BIMCO, di importanza mondiale.

Inoltre, occorrerà valutare, anche a livello assicurativo, la possibilità di coprire, in tutto o in parte, i rischi suddetti. 

Emiliano Giovine

Natalia Bagnato

 

Restiamo in contatto

Ricevi gratuitamente la nostra newsletter.

Il Blog di Riccardo Rossotto

Visita il Blog di Riccardo Rossotto.

Torino
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milano
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Roma
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy

Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bologna
R&P Legal
Via D’Azeglio, 19
40123, Bologna - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy