Call Us +39 011 55.84.111

  • R&P Legal

    Spirito di squadra, conoscenza del business dei clienti, visione strategica, disponibilità, passione, fondamento etico, costo compatibile.

  • Puntiamo sulla competenza

    R&P Legal è uno studio italiano full service, indipendente e con primarie connessioni internazionali, fondato nel 1949.

  • Trattiamo con il mondo... da vicino

    Contiamo su un’articolata rete di primari studi legali di comprovata esperienza nelle principali giurisdizioni estere.

R&P Legal è uno studio legale indipendente, fondato nel 1949, con sei sedi in Italia e con primarie connessioni internazionali, dove lavorano più di centocinquanta professionisti qualificati che forniscono assistenza full service.

Ultime notizie

Prev Next

International Negotiation Competition di Tokyo – Ottimo risultato per il Team de…

La Redazione - avatar La Redazione - 22-07-2019 - News

Il team di degli studenti dell’Università di Trento – Facoltà di Giurisprudenza, composto da Marco Baio, Luca De Rosa e Martina Lucin, e coordinato dalla Prof.ssa Silvana dalla Bontà, si è eccezionalmente distinto nella International Negotiation Competition da poco conclusasi a Tokyo, conquistando la 7a postazione (1° team europeo non madrelingua). R&P ...

Leggi tutto

Olanda: multa da 460mila euro all’Haga Hospital per violazione del GDPR

Chiara Agostini - avatar Chiara Agostini - 22-07-2019 - Privacy & Data Protection

L’Haga Hospital, situato a L’Aia, ha ricevuto una sanzione pari a 460 mila euro dal Garante per la protezione dei dati personali olandese (di seguito, “Garante”), a causa dell’insufficienza delle misure di sicurezza poste a tutela dei file dei pazienti, emersa a seguito del ricovero di una star di un reality televisivo, le cui cartelle cliniche erano state v...

Leggi tutto

Esenzione dall'imposta in caso di donazione contestuale e congiunta di quote soc…

Luigi Macioce - avatar Luigi Macioce - 19-07-2019 - Wealth Management & Private Client

di Luigi M. Macioce e Andrea E. M. Eliseo Mediante la risposta all’istanza di interpello n. 257 del 17/07 u.s. sono stati forniti ulteriori chiarimenti in merito alle condizioni per l’applicazione dell’esenzione da imposta di donazione nelle ipotesi configurate dall’articolo 3, comma 4-ter, D.Lgs. 346/1990.

Leggi tutto

Limiti al sequestro preventivo di denaro

Valeria Valentini - avatar Valeria Valentini - 18-07-2019 - Criminal Law

La Cassazione (sent. n. 30414/2019, depositata il 10 luglio scorso) torna a delimitare il perimetro dei beni confiscabili, introducendo dei limiti al noto orientamento giurisprudenziale teso ad estendere l’ambito di applicazione della confisca e il novero dei soggetti (persone fisiche e giuridiche) destinatari del vincolo. La vicenda riguarda un sequestro pr...

Leggi tutto

R&P Legal assiste Design Group Italia nell’ingresso nel gruppo Alkemy

La Redazione - avatar La Redazione - 17-07-2019 - Corporate M&A

Design Group Italia, leader nel settore della design innovation consultancy, ha sottoscritto l’accordo con il quale darà accesso nel proprio capitale sociale ad Alkemy S.p.A., società quotata sul mercato AIM Italia e specializzata nell’innovazione dei modelli di business.

Leggi tutto

La mancata indicazione dell’autore di un’opera riprodotta sul volume di un’encic…

Nicola Berardi - avatar Nicola Berardi - 13-07-2019 - Intellectual Property

“È contrario alla lettera ed alla ratio legis affermare che l’inadempimento all’obbligo di menzionare il nome dell’autore – allorquando sia stata positivamente accertata la circostanza di fatto che l’opera sia stata pubblicata come anonima, pur senza l’attribuzione ad altri – rispetti il diritto morale d’autore. Il diritto a vedersi attribuita la paternità d...

Leggi tutto

Pubblicato l’aggiornamento del Volume “Guida di diritto sanitario” a cura di Lor…

La Redazione - avatar La Redazione - 11-07-2019 - News

La Guida, pubblicata da Wolters Kluver  e curata dai legali del dipartimento interdisciplinare sanità di R&PLegal unitamente ad altri professionisti del settore (avv. Mario Araneo, Prof. Luigi Recchioni), è l'aggiornamento dell’edizione  pubblicata nel 2012 e riporta le numerose e rilevanti modifiche legislative intervenute nel settore, con particolare r...

Leggi tutto

L'invito a seguire un percorso psicoterapico di sostegno alla genitorialità è un…

Maria Grazia Passerini - avatar Maria Grazia Passerini - 11-07-2019 - Famiglia e Successioni

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 18222/2019, ha valutato come non corretta la decisione con cui la Corte d'Appello di Perugia aveva confermato l’invito giudiziale rivolto ai coniugi dal Tribunale a seguire con urgenza un percorso psicoterapico al fine di superare le problematiche riscontrate in merito all'esercizio della responsabilità genitoriale ...

Leggi tutto

Condanna del genitore inadempiente al rimborso delle spese di mantenimento del f…

Maria Grazia Passerini - avatar Maria Grazia Passerini - 11-07-2019 - Famiglia e Successioni

Il Tribunale di Tivoli condanna un padre naturale a corrispondere euro 60.000,00 alla madre del loro figlio minore, di cui euro 10.000,00 a titolo di rimborso delle spese di mantenimento sostenute dalla sola madre sin dalla nascita del figlio ed euro 50.000,00 a titolo di risarcimento dei danni arrecati al figlio dal padre.

Leggi tutto

Passo indietro sulle quote europee nell’audiovisivo italiano con il D.L. 59/2019

Elena Forzano - avatar Elena Forzano - 09-07-2019 - TMT - Media Entertainment

Con il Decreto Legge n. 59/2019, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 29 giugno 2019, è stata introdotta una revisione delle quote obbligatorie di programmazione e investimento da destinare a opere audiovisive italiane ed europee, da parte di emittenti televisive e piattaforme on demand.

Leggi tutto

Cassazione: l’atto di dotazione del trust non è un fatto imponibile

Luigi Macioce - avatar Luigi Macioce - 09-07-2019 - Wealth Management & Private Client

di Luigi M. Macioce e Andrea E. M. Eliseo Con la sentenza n. 16701, depositata il 21 Giugno u.s., la Cassazione ha chiarito, forse definitivamente, come l’atto di dotazione del trust, che comporti il temporaneo trasferimento dei beni al trustee in funzione della realizzazione degli obiettivi prefissati dal disponente, non costituisca un fatto imponibile, me...

Leggi tutto

Gli esiti dell’accertamento penale influenzano il giudizio tributario

Valeria Valentini - avatar Valeria Valentini - 09-07-2019 - Tax

Con la sentenza n. 1230/2019, la Sezione XXII della CTR di Lecce ha ribadito il principio secondo cui, pur non potendosi attribuire valore di prova legale al risultato dell’accertamento effettuato in sede penale, al giudice tributario, nelle proprie valutazioni, non è preclusa la possibilità di utilizzare i risultati di tale accertamento nell’ambito del dive...

Leggi tutto

La durata delle pene accessorie della bancarotta fraudolenta

Elisa Pigozzi - avatar Elisa Pigozzi - 09-07-2019 - Criminal Law

Sono state depositate lo scorso 3 luglio 2019 le motivazioni della sentenza n. 28910 con la quale le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, con riferimento alle pene accessorie previste dall’art. 216, ultimo comma, legge fall. per il reato di bancarotta fraudolenta, hanno affermato il principio per cui “Le pene accessorie per le quali la legge indica un te...

Leggi tutto

A rischio riciclaggio il finto preliminare di compravendita di un immobile

Valeria Valentini - avatar Valeria Valentini - 03-07-2019 - Criminal Law

La vicenda esaminata dalla Corte di Cassazione nella sentenza in commento (n. 27848 depositata il 24.6.2019) è la seguente: Tizia, in qualità di legale rappresentante di una S.R.L. legata ad altra Società da un contratto per fornitura di servizi di pulizia, sottoscrive un contratto preliminare di vendita di un immobile per il quale riceve da detta Società la...

Leggi tutto

Riforma del Terzo settore: più tempo per gli adeguamenti statutari

Giuseppe Taffari - avatar Giuseppe Taffari - 03-07-2019 - Charities & Social Enterprises

Con l’approvazione del cd. “Decreto Crescita”, Misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi, è stato prorogato il termine per la modifica degli statuti di Onlus, Odv, Aps, bande musicali ed imprese sociali.

Leggi tutto

Appalti RAI e procedure di evidenza pubblica

Pasquale Morra - avatar Pasquale Morra - 27-06-2019 - Enti Pubblici & Appalti

Con la recente sentenza del 26 giugno 2019 n. 8341, il TAR LAZIO – ROMA, SEZ. III – ha affermato che la RAI S.p.A. è tenuta all’osservanza delle procedure di evidenza pubblica nell’affidamento di appalti di lavori, servizi e forniture, salve le relative specifiche deroghe ed eccezioni (cfr. Cass. civ., Sez. Un., ord. 22.12.2009, n. 27092; TAR Lazio, Roma, Se...

Leggi tutto

Nuovamente modificate le soglie per l’obbligo di nomina dell’organo di controllo…

Marco Gardino - avatar Marco Gardino - 27-06-2019 - Corporate M&A

Il legislatore è intervenuto, modificando per l’ennesima volta in pochi mesi, le soglie oltrepassate le quali scatta per la società a responsabilità limitata l’obbligo di nomina dell’organo di controllo, previsto all’art. 2477 c.c.

Leggi tutto

Influencer marketing: nessuna sanzione dall’AGCM grazie agli impegni assunti da …

Nicola Berardi - avatar Nicola Berardi - 21-06-2019 - Intellectual Property

Il caso Si è concluso senza sanzioni il procedimento avviato dall’AGCM nei confronti di Alitalia S.p.A., Aeffe S.p.A. (società riconducibile ad Alberta Ferretti) e vari influencer (tra i più noti, Martina Colombari, Alessia Marcuzzi, Chiara Biasi ed Elena Santarelli), relativo ad una potenziale fattispecie di pubblicità occulta in danno ai consumatori...

Leggi tutto

L’acquisto dell’immobile cade in revocatoria se il terzo è consapevole della les…

Daniele Merighetti - avatar Daniele Merighetti - 21-06-2019 - Responsabilità Civile e Risarcimento Danni

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 16287 del 18 giugno 2019, ha stabilito che l’acquisto di un immobile cade in revocatoria, qualora il terzo sia consapevole della lesività dell’atto già dal contratto preliminare di compravendita.

Leggi tutto

Condhotel between hotel and residential function, the example of Emilia-Romagna …

Vincenzo D'Antoni - avatar Vincenzo D'Antoni - 19-06-2019 - Real Estate

di Laura Demelas e Vincenzo D'Antoni Condhotels are "facilities ... providing accommodation, ancillary service and possibly meal, by rooms intended both for tourism and, in an integrated and complementary way, for residential use ...". The distinctive element therefore is the coexistence of hotel and residential function.

Leggi tutto

Anticorruzione: convegno IBA a Parigi

La Redazione - avatar La Redazione - 18-06-2019 - News

L’avv. Piero Magri parteciperà alla conferenza internazionale in materia di anticorruzione che l’anticorruption committee di IBA organizza il 25-26 giugno a Parigi. Nello stesso contesto sarà presentata la newsletter semestrale del comitato che conterrà un contributo dell’avv. Magri sulla “new anticorruption Law in Italy”. Link alla fonte

Leggi tutto

Gli studi nell’ingresso di MSC nel gruppo Messina

La Redazione - avatar La Redazione - 18-06-2019 - News

Il Gruppo MSC, tra i colossi mondiali del trasporto container, ha concluso un accordo vincolante con Gruppo Messina S.p.A. e Ignazio Messina & C. S.p.A. per l’ingresso nel capitale della compagnia di navigazione genovese specializzata nella fornitura di servizi nel settore dello shipping a livello internazionale. 

Leggi tutto

CTR Lazio: il trust autodichiarato determina mera segregazione priva di effetti…

Luigi Macioce - avatar Luigi Macioce - 18-06-2019 - Wealth Management & Private Client

di Luigi M. Macioce e Andrea E. M. Eliseo L’istituzione di un trust autodichiarato sconta l’imposizione in misura fissa non realizzandosi alcuna ipotesi traslativa dal momento che i beni restano nella sfera giuridica del disponente.

Leggi tutto

Adeguamento statuti: possibile ulteriore proroga del termine

Beatrice Gragnoli - avatar Beatrice Gragnoli - 18-06-2019 - Charities & Social Enterprises

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con la Circolare n.13 del 31.05.2019 fornisce chiarimenti in merito agli adeguamenti statutari degli Enti del Terzo Settore. La Circolare tenta, in particolare, di risolvere le incertezze relative al decorso del termine di 24 mesi per gli adeguamenti statutari nonché di fornire chiarimenti sulla tempistica de...

Leggi tutto

Il Garante per la protezione dei dati personali chiarisce il contenuto delle com…

Chiara Agostini - avatar Chiara Agostini - 18-06-2019 - Privacy & Data Protection

Il Garante per la protezione dei dati personali (di seguito, “Garante Privacy”), con provvedimento n. 106 del 30 aprile 2019, adottato nell’ambito di un procedimento avviato a seguito della notifica di data breach trasmessa da una società operante nel settore delle telecomunicazioni, ha chiarito che le comunicazioni agli utenti dei data breach non devono ess...

Leggi tutto

Andrea E. M. Eliseo docente del corso di preparazione per l'ottenimento della qu…

La Redazione - avatar La Redazione - 18-06-2019 - News

I giorni 20 e 21 Giugno, presso la Mediolanum Corporate University, il Dottor Andrea E. M. Eliseo – Of Counsel dello Studio R&P Legal – interverrà in veste di docente del Corso di preparazione per l’ottenimento della​ certificazione di European Financial Planner (EFP) per l’anno 2019.

Leggi tutto

Doppia verifica se il reato presupposto del riciclaggio è commesso all’estero

Valeria Valentini - avatar Valeria Valentini - 18-06-2019 - Criminal Law

Nei casi in cui il reato di riciclaggio abbia ad oggetto somme di denaro provento di condotte realizzate all’estero, è necessario verificare che tali condotte rivestano rilevanza penale secondo l’ordinamento straniero; una volta superata positivamente tale verifica, è inoltre necessario verificare la contestuale rilevanza penale del medesimo fatto secondo l’...

Leggi tutto

Il condhotel tra funzione alberghiera e residenziale, l’esempio della Regione Em…

Vincenzo D'Antoni - avatar Vincenzo D'Antoni - 17-06-2019 - Real Estate

di Laura Demelas e Vincenzo D'Antoni I condhotel sono “esercizi alberghieri … che forniscono alloggio, servizi accessori ed eventualmente vitto, in camere destinate alla ricettività e, in forma integrata e complementare, in unità abitative a destinazione residenziale …”. L’elemento distintivo è quindi la convivenza tra funzione alberghiera e residenziale...

Leggi tutto

XI sessione plenaria del Comitato europeo per la protezione dei dati: adottate l…

Ludovica Ceretto - avatar Ludovica Ceretto - 17-06-2019 - Privacy & Data Protection

Durante l’undicesima sessione plenaria del 4 giugno scorso l’EDPB ha adottato la versione definitiva delle Linee guida sui codici di condotta, volte a fornire un supporto pratico ed interpretativo degli articoli 40 e 41 GDPR. Obiettivo è quello di chiarire le procedure e le norme relative alla presentazione, all'approvazione e alla pubblicazione dei codici d...

Leggi tutto

Il creditore della società cancellata non ha diritto al risarcimento dagli ex am…

Daniele Merighetti - avatar Daniele Merighetti - 13-06-2019 - Responsabilità Civile e Risarcimento Danni

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 15822 del 12 giugno 2019, ha stabilito che il creditore della società cancellata non ha diritto ad incassare i danni dagli ex amministratori, a meno che non riesca a fornire la prova del fatto illecito, del dolo o della colpa degli ex manager.

Leggi tutto

Inaugura lunedì 24 giugno 2019 presso R&P Legal: ETTORE MOSCHETTI, Quando ch…

La Redazione - avatar La Redazione - 13-06-2019 - News

Lo Studio R&P legal prosegue il suo percorso nell’arte ospitando l’opera di Ettore Moschetti. I dipinti cromaticamente avvolgenti di Moschetti abiteranno le sale riunioni di R&P Legal dal 24 giugno al 22 settembre 2019.

Leggi tutto

D.L. 34/2019: approvate le misure di contrasto all’Italian Sounding

Nicola Berardi - avatar Nicola Berardi - 11-06-2019 - Intellectual Property

L’art. 32 del D.L. 34/2019 ha introdotto una serie di misure volte a proteggere il Made in Italy e a favorirne la promozione sui mercati esteri.

Leggi tutto

Commissione europea e finanza sostenibile: piccoli passi avanti

Beatrice Gragnoli - avatar Beatrice Gragnoli - 05-06-2019 - Charities & Social Enterprises

L’ESMA – European Securities and Markets Authority ha pubblicato e trasmesso alla Commissione, il suo technical advice sull’integrazione dei criteri ESG – Environmental, Social e Governance all’interno della Mifid II[1]. La Commissione vuole rendere concreto il suo impegno in tema di “finanza sostenibile” integrando la Direttiva che disciplina l’attività de...

Leggi tutto

Le Nazioni Unite istituiscono il primo Multi-Partner Trust Fund a sostegno della…

Emiliano Giovine - avatar Emiliano Giovine - 05-06-2019 - Charities & Social Enterprises

L’8 maggio a Ginevra, i Direttori Generali delle otto organizzazioni delle Nazioni Unite che costituiscono Executive Committee of the UN Network on Migration hanno sottoscritto un accordo per l’istituzione di uno Start-up Fund for Safe, Orderly and Regular Migration, uno strumento di finanziamento unico nel suo genere, per sostenere la cooperazione internazi...

Leggi tutto

Impact Investing. Il punto di svolta.

Roberto Randazzo - avatar Roberto Randazzo - 05-06-2019 - Charities & Social Enterprises

Il 2019 si sta rivelando davvero l’anno del consolidamento globale del movimento “Impact”, evolvendosi da materia per pionieristici e lungimiranti articoli scientifici e per convegni accademici, a tema centrale nell’impostazione delle strategie di investimento dei fondi di private equity e di pianificazione di business innovativi. Nei giorni scorsi, al term...

Leggi tutto

R&P Legal al fianco delle Procedure di Amministrazione Straordinaria di Link…

La Redazione - avatar La Redazione - 04-06-2019 - News

Deloitte Legal e Salonia e Associati hanno assistito Cordon Electronics Italia S.r.l. (“Cordon”) nell’acquisizione di 4 rami d’azienda da Compel Electronics S.p.A. in A.S. e da Linkra S.r.l. in A.S. Anche grazie all’accordo raggiunto il 18 aprile 2019 scorso con le organizzazione sindacali, Cordon si è impegnata a mantenere la continuità aziendale e 122 post...

Leggi tutto

In vigore il regolamento n. 1/2019, concernente le procedure interne che discipl…

Chiara Agostini - avatar Chiara Agostini - 04-06-2019 - Privacy & Data Protection

Obiettivo del regolamento n. 1/2019 è fissare termini e procedure in caso di ricezione di segnalazioni o reclami, per le attività ispettive e per l’approvazione di regole deontologiche e codici di condotta. Con la delibera n. 98 del 4 aprile 2019, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 106 dell'8 maggio 2019, il Garante per la protezione dei dati personali ...

Leggi tutto

D.L. 24/2019: introdotto il “marchio storico” a tutela del Made in Italy

Nicola Berardi - avatar Nicola Berardi - 04-06-2019 - Intellectual Property

Con l’art 31 del D.L. 30/04/2019 n. 24 (c.d. Decreto Crescita), sono state apportate una serie di importanti modifiche al Codice di Proprietà Industriale volte a garantire una tutela più effettiva dei marchi di eccellenza nel Made in Italy.

Leggi tutto

Monitoraggio fiscale e titolarità effettiva nelle Fondazioni: l’Agenzia delle En…

Luigi Macioce - avatar Luigi Macioce - 04-06-2019 - Wealth Management & Private Client

di Luigi M. Macioce e Andrea E. M. Eliseo Il Presidente del consiglio di amministrazione e il Direttore generale di una Fondazione che detenga attivi all’estero non sono tenuti alla compilazione del quadro RW della propria dichiarazione dei redditi. Questa è la conclusione alla quale è arrivata la Risoluzione n. 53/E del 29 Maggio u.s...

Leggi tutto

Tutti i condomini devono risarcire i danni da infiltrazioni nei box sotto il cor…

Daniele Merighetti - avatar Daniele Merighetti - 03-06-2019 - Responsabilità Civile e Risarcimento Danni

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 14511 del 28 maggio 2019, ha stabilito che, in materia di condominio, qualora si debba procedere alla riparazione del cortile o viale d’accesso all’edificio condominiale, che funga anche da copertura per i locali sotterranei di proprietà esclusiva del singolo condomino, ai fini della ripartizione delle relative spes...

Leggi tutto
La Redazione

La Redazione

Profilo:

Apple/Samsung: maxi-multa comminata a Samsung dimezzata

autore:

Roberta Avarello

Come alcuni ricorderanno, nel terzo numero del Magazine, commentavamo la maxi-multa, pari ad oltre un miliardo di dollari, imposta dal Tribunale di San Josè, California, alla Samsung, per aver violato alcuni brevetti Apple relativi ai c.d. “Smartphone”.
Come anticipato all’epoca, detta decisione non poteva che essere solo la prima fase dell’insorta contrapposizione tra le due superpotenze industriali, ed infatti, con un documento di circa 30 pagine, emesso lo scorso 30 gennaio 2013, il tribunale californiano ha negato alla Apple la possibilità di ottenere un risarcimento triplicato della sanzione comminata alla Samsung alla fine dello scorso mese di agosto.
Ma v’è di più. Con una ancor più recente decisione, emessa lo scorso 3 marzo 2013, il medesimo Tribunale di San Josè, ricalcolando la somma dovuta ad Apple da parte di Samsung, ha, addirittura, dimezzato la sanzione originariamente imposta, facendo perdere all’azienda di Cupertino ben 450 milioni di dollari.


Tribunale di San Josè.pdf

Commento
Il Giudicante americano, insomma, ha dapprima negato ad Apple un aumento del risarcimento dovutole da parte di Samsung, sostenendo che l’azienda asiatica, pur essendo incorsa nelle citate violazioni brevettuali, avrebbe agito in buona fede, senza volontà di sfruttamento indebito delle tecnologie appartenenti alla rivale, e, ancora, che la medesima Apple avrebbe dovuto provare in maniera chiara e convincente la cattiva fede di Samsung.
In altri termini, secondo la decisione di gennaio 2013, la Apple avrebbe dovuto dimostrare che le attività dell’avversaria venivano dalla stessa poste in essere nella piena consapevolezza di incorrere nella violazione dei diritti di proprietà intellettuale spettanti al colosso di Cupertino.
Ora, invece, con la decisione risalente a qualche giorno fa, il medesimo Giudicante ha fatto di più, decurtando, come detto, ben 450 milioni di dollari dalla salatissima sanzione originariamente imposta alla Samsung.
Detta decisione è stata presa dopo aver constatato due significativi errori di calcolo commessi nella quantificazione operata lo scorso agosto. In primo luogo, il Giudice americano  ha constatato che, per determinare la cifra da imporre come multa, erano stati utilizzati i profitti di Samsung, calcolo, questo, ritenuto ora scorretto, atteso che ad essere violati erano stati solo ed esclusivamente brevetti legati al design di un prodotto. In secondo luogo, lo stesso Giudice ha riscontrato come, in prima battuta e sempre ai fini del risarcimento, erano state erroneamente considerate anche le vendite antecedenti la comunicazione, ai vertici di Samsung, delle accuse di violazione brevettuale.
Insomma, alla luce dei continui colpi di scena che vediamo susseguirsi nella battaglia tra le due superpotenze industriali, non ci resta che attendere le prossime decisioni sulla questione, con la certezza che, ad ogni modo, un nuovo processo, avente ad oggetto altri dispositivi presuntivamente violati, verrà avviato nel 2014.

SIAE assolta da accuse di pratiche anti-concorrenziali

Con sentenza emessa lo scorso 12 aprile 2013, il Tribunale dell’Unione europea ha deciso in ordine ad un ricorso presentato dalla Società Italiana degli Autori ed Editori (SIAE) per l’annullamento di una decisione presa dalla Commissione europea, nel 2008, nei confronti della medesima SIAE e di altre società di gestione collettiva europee facenti parte della Confederazione internazionale delle società di autori e compositori (CISAC), un’organizzazione non governativa senza scopo di lucro che rappresenta, in un centinaio di paesi, le società di gestione collettiva dei diritti d’autore relativi, segnatamente, alle opere musicali.

Il Tribunale dell’Unione europea ha accolto, parzialmente, detto ricorso, annullando la decisione impugnata nella parte in cui veniva accertata l’esistenza di una pratica concordata con cui ognuna delle predette società di gestione collettiva avrebbe limitato, negli accordi di rappresentanza reciproca, il diritto di concessione di licenze relative al proprio repertorio sul territorio dell’altra società di gestione collettiva contraente.
Tribunale UE.pdf

Commento
Con la sentenza in commento, il Tribunale dell'Unione Europea ha escluso, dunque, che la SIAE e le altre società di gestione collettiva europee abbiamo attuato pratiche anti-concorrenziali sfavorevoli agli operatori del settore musicale.
Nel motivare la propria decisione, invero, il Tribunale dell’Unione europea ha osservato come la Commissione, da un lato, non disponeva di documenti che comprovassero l’esistenza di una concertazione tra le società di gestione collettiva per quanto riguarda la portata territoriale dei mandati che dette società si conferivano, e, dall’altro, non ha confutato la plausibilità della tesi della ricorrente secondo cui il comportamento parallelo delle società medesime non era frutto di concertazione, essendo invece dovuto alla necessità di lottare efficacemente contro le utilizzazioni non autorizzate delle opere musicali.
Si chiude così, pertanto, quello che può essere considerato l'ultimo capitolo di una querelle legale iniziata diversi anni or sono, laddove, nel 2000, RTL denunciò una società aderente alla CISAC  per aver rifiutato la concessione di una licenza europea per l'attività di radiodiffusione musicale.

Applicazione equo compenso anche su stampanti e PC

autore:

Roberta Avarello

Con una decisione dello scorso 27 giugno 2013, la Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha stabilito che il cosiddetto “equo compenso per copia privata”, per la riproduzione di opere protette dal diritto d’autore, potrà essere applicato anche su stampanti e computer.
Secondo la Corte, infatti, ai legittimi titolari dei diritti d’autore spetterebbe il diritto esclusivo di "autorizzare o vietare la riproduzione delle loro opere o degli altri materiali protetti", anche se detta riproduzione avviene attraverso una comune postazione desktop o una stampante collegata.
La Corte ha precisato, poi, che i vari stati membri UE possono comunque "disporre eccezioni o limitazioni a tale diritto esclusivo", autorizzando la realizzazione di copie private e di riproduzioni effettuate su carta o supporto simile, mediante uso di qualsiasi tipo di tecnica fotografica o di altro procedimento avente effetti analoghi.
Laddove lo stato membro ricorra a tale facoltà, dovrà assicurare, tuttavia, che i titolari del diritto d’autore ricevano un equo compenso come indennizzo per la riproduzione delle loro opere protette, effettuata senza il loro consenso.
Corte di giustizia.pdf

Commento
Con la decisione in commento, la Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha definito una controversia derivante dalla denuncia presentata dai vertici della collecting society tedesca VG Wort, contro un gruppo di aziende operative nel settore delle stampanti.
Secondo la VG Wort, le citate aziende avrebbero dovuto fornire informazioni dettagliate sul volume di dispositivi venduti in Germania a partire dal 2001, per poi essere condannate ad un risarcimento, in favore dei legittimi titolari dei diritti d’autore, sotto forma di un diritto prelevato sui personal computer, le stampanti e/o i plotter immessi in commercio in Germania tra il 2001 e il 2007.
Ebbene, la Corte ha dapprima stabilito che la nozione di “riproduzioni effettuate mediante uso di qualsiasi tipo di tecnica fotografica o di altro procedimento avente effetti analoghi” ingloba riproduzioni effettuate mediante una stampante o un personal computer, nel caso in cui tali dispositivi siano collegati tra loro, per poi disporre che "la mancata applicazione di misure tecnologiche destinate a impedire o limitare la riproduzione non autorizzata non fa venir meno l'equo compenso per copie private".
Sul punto, inoltre, la Corte ha precisato che lo stato membro interessato può far dipendere il livello concreto del compenso dall'applicazione o meno di siffatte misure tecnologiche, affinché i titolari dei diritti siano effettivamente incoraggiati ad adottarle e contribuiscano, quindi, volontariamente alla corretta applicazione dell'eccezione per copia privata.
(R.A.)

Condivisione on-line di brani musicali – maxi-sanzione

autore:

Roberta Avarello

Lo scorso 25 giugno, una sentenza della Corte di appello del Massachusetts ha confermato la decisione di primo grado secondo cui il sig. Joel Tenenbaum, di Boston, dovrà pagare 675.000 dollari ad alcune etichette discografiche statunitensi, per aver illecitamente condiviso on-line, per mezzo della rete Kazaa, applicazione peer to peer per il file-sharing, 30 brani musicali.


Corte d’appello Massachussets.pdf

Commento
La decisione in parola, giunta dopo un estenuante tira e molla legale sull'esatta entità dei danni causati alle etichette discografiche attrici, sta destando non poche polemiche.
A detta di molti, infatti, la maxi-sanzione comminata nei confronti del sig. Tenenmbaum sarebbe del tutto sproporzionata rispetto all’esiguo numero di brani, 30, illegittimamente condivisi on-line dallo stesso.
Proprio in ragione dell’esiguo numero di canzoni condivise, la difesa del sig. Tenenbaum ha tentato di convincere il giudice che la conferma della condanna di primo grado, basata sul calcolo presentato dalle etichette discografiche per ottenere un maxi-risarcimento per lo sharing illecito delle opere, sarebbe stato del tutto anticostituzionale.
Secondo la Corte di appello del Massachusetts, tuttavia, detto calcolo, ovvero 22.500 dollari per ciascun brano scaricato, non sarebbe sproporzionato, ed anzi, ha precisato la Corte, la sanzione fissata “sarebbe di gran lunga inferiore a quella prevista dalle leggi statunitensi sul copyright, negli statutory damages fissati a 150.000 dollari per opera sfruttata in maniera indebita”.
(R.A.)

Tributaria: SIAE deve rimborsare i bollini pagati ante 2008

autore:

Francesca Florio

La Commissione Tributaria del Lazio ha, con sentenza del 25 giugno 2013, disposto che la SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, debba restituire alla società Edizioni Master S.p.A. il prezzo dei contrassegni acquistati da quest’ultima nel periodo compreso tra il 2004 ed il 2008, per un importo totale pari a quasi 1,3 milioni di euro.

Commento
La decisione della Commissione Tributaria in oggetto costituisce un ulteriore tassello della “battaglia” legale che ha visto e continua a vedere contrapposte la SIAE e la Edizioni Master S.p.A., in merito alla disciplina del contrassegno SIAE.
Torna ancora una volta in primo piano, pertanto, il tema della legittimità dei “bollini” SIAE acquistati ed apposti su supporti nel periodo precedente al febbraio 2009, di cui ci siamo già occupati nel primo numero del nostro magazine, in occasione dell’emanazione della sentenza del Consiglio di Stato, del 2 febbraio 2012.
Con la predetta sentenza, ricordiamo che il Consiglio di Stato - decidendo sull’impugnazione presentata dalla stessa Edizioni Master contro la sentenza del TAR Lazio n. 11590/2009 che aveva disposto la reintroduzione dell’obbligo di apposizione del “bollino” SIAE, dichiarato illegittimo dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea nel 2007 – aveva stabilito l’illegittimità dei contrassegni SIAE acquistati ed apposti su supporti nel periodo anteriore al febbraio 2009.

La corte di Cassazione, poi, adita dalla SIAE tramite ricorso per regolamento preventivo di giurisdizione, in un giudizio che ha preso le mosse da un’opposizione a decreto ingiuntivo promosso, innanzi al Tribunale civile di Roma, dalla SIAE medesima avverso la Edizioni Master S.p.A., ha dichiarato, a Sezioni Unite, con ordinanza del 26.01.2011 n° 1780, la giurisdizione del giudice tributario a decidere sulle controversie aventi ad oggetto il contrassegno SIAE.
Secondo tale decisione, infatti, “la natura tributaria del contrassegno Siae - restando comunque irrilevante il nomen iuris attribuito dal legislatore alla prestazione patrimoniale imposta - comporta, alla luce della nuova formulazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 2, l'attribuzione delle controversie relative alla giurisdizione del giudice tributario, alla quale, infatti, appartengono tutte le controversie aventi ad oggetto i tributi di ogni genere e specie comunque denominati”.

Una volta dichiarata tale competenza, la Edizioni Master ha proseguito nel suo “attacco”, adendo la Commissione Tributaria del Lazio, la quale accogliendo la richiesta presentata e, conseguentemente, disponendo il rimborso di quanto corrisposto dalla Edizioni Master medesima alla SIAE per la fornitura dei contrassegni dal 2004 al 2008, costituisce, di fatto, un importante precedente per tutti i soggetti interessati ad ottenere la restituzione del prezzo pagato per l’acquisto dei bollini in questione.

Misure per promozione di giovani artisti, compositori e cinematografia

autore:

Alberto Fogola

Il Decreto Legge 8 agosto 2013 n. 91, intitolato “Disposizioni urgenti per la tutela, la valorizzazione e il rilancio dei beni e delle attività culturali e del turismo”, ha, tra le altre novità, introdotto una rilevante modifica nella Legge sul diritto d’autore (L. 633/1941) ed adottato misure importanti per lo sviluppo del settore cinematografico e per la promozione dei giovani artisti e compositori musicali.

In particolare, con l’art. 4 di tale atto, è stato modificato il secondo comma dell’art. 15 della L. 633/1941, facendo rientrare nell’elenco delle esecuzioni, rappresentazioni e recitazioni definite non “pubbliche” quelle effettuate, senza scopo di lucro, all’interno delle biblioteche, ai fini esclusivi di promozione culturale e valorizzazione delle opere medesime.
Il “nuovo” secondo comma dell’art. 15 L. 633/1941 ha, pertanto, la seguente formulazione:
"Non sono considerate  pubbliche  l'esecuzione,  la   rappresentazione   o   la recitazione   dell'opera   effettuate,   senza   scopo   di    lucro, alternativamente:
a) entro la cerchia ordinaria della famiglia, del convitto, della scuola o dell'istituto di ricovero;
b) all'interno delle biblioteche, a fini esclusivi di  promozione culturale e di valorizzazione delle opere stesse."

Ciò detto, sono state, poi, introdotte alcune misure volte ad agevolare il rilancio del sistema musicale italiano, soprattutto con riferimento ai giovani ed emergenti autori e compositori: l’articolo 7 del Decreto in questione riconosce, infatti, per ciascuno degli anni 2014, 2015 e 2016, un  credito di imposta, nel limite di spesa annuo di € 4,5 milioni e sino ad esaurimento, per le imprese produttrici di fonogrammi e di videogrammi musicali di cui all’art. 78 L. 633/1941, esistenti almeno dal 1° gennaio 2012.
Tale credito:
(i) sarà pari al 30% “dei costi sostenuti per attività di sviluppo, produzione, digitalizzazione e promozione di registrazioni fonografiche o videografiche musicali, fino all’importo massimo di 200.000 euro nei tre anni d’imposta”;
(ii) sarà riconosciuto solo per opere prime o seconde di nuovi talenti di  nuovi  talenti  definiti come artisti, gruppi di artisti, compositori o artisti-interpreti;
(iii) sarà accessibile solo qualora le imprese spendano un importo corrispondente all'80% del beneficio concesso nel territorio nazionale,  privilegiando la formazione e l'apprendistato in tutti i settori tecnici coinvolti.

Infine, per quel che qui interessa, è appena il caso di rilevare che l’art. 8 del Decreto 91/2013 ha reso permanente il tax credit a favore del settore cinematografico a far corso dal 1° gennaio 2014, allocando € 45 milioni per il 2014 e 90 milioni a decorrere dal 2015.

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2013/08/09/13G00135/sg

Provvedimento dell’AGCOM per la tutela del diritto d’autore

Lo scorso 10 aprile 2013, nel corso del convegno “Televisione e mercati rilevanti”, organizzato dall’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM), il nuovo presidente dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM), Angelo Marcello Cardani, ha annunciato la presentazione di uno schema di provvedimento per la tutela del diritto d'autore sulle reti di comunicazione elettronica, che verrà mandato in consultazione entro la prossima estate.


Nell’annunciare il provvedimento in parola, Cardani ha osservato che "qualsiasi regolatore segue sempre l'evoluzione degli eventi, anche se molto raramente riesce a raggiungerli - noi abbiamo fatto promesse e finora le abbiamo sempre mantenute. Sul problema dei diritti di proprietà in rete intendiamo varare una misura entro l'estate e manterremo anche questa volta le promesse".
E’ evidente, dunque, come l’AGCOM sia intenzionata ad intervenire concretamente nella regolamentazione  del delicato rapporto tra Internet e Copyright, adottando una legge organica che tenga conto del mutato contesto tecnologico, delle istanze che provengono dal mondo della rete e dello sviluppo del mercato audiovisivo digitale.
Detto provvedimento mira a consentire la rimozione di contenuti illegittimi dal Web a seguito di provvedimenti amministrativi e senza precipuo mandato di un magistrato, e secondo qualcuno ciò declasserebbe la libertà di manifestazione del pensiero su Internet a diritto di serie B che potrà essere sacrificato, quindi, in nome del Copyright anche senza un corretto procedimento giudiziario che certifichi l’avvenuta infrazione.

Il provvedimento tenderà, poi, alla definitiva inclusione di Internet nella valutazione di mercato del cosiddetto Sistema integrato delle comunicazioni (SIC), cosicchè il “peso” di Internet sarà finalmente valutato a partire dal prossimo anno.
A tale proposito, invero, Cardani ha spiegato che “nella nostra analisi, Internet è stato spesso un convitato di pietra  dato che, come mercato rilevante, è stato inserito solo nell'editoria, mentre già nel 2010 risultava essere il terzo mezzo di comunicazione a disposizione degli italiani".

Dopo la nota delibera AGCOM 668/10/CONS, avente ad oggetto i lineamenti di un provvedimento concernente, appunto, l’esercizio delle competenze dell’Autorità nell’attività di tutela del diritto d’autore sulle reti di comunicazione elettronica, si apre, insomma, un nuovo capitolo in ordine all’enforcement della tutela del diritto d'autore nell’era digitale.
Si presume, dunque, che l’AGCOM ritenga superati i problemi attuativi in precedenza incontrati, laddove, sulla scia dell’esempio francese (la famosa “legge Sarkozy”), c’era stato un primo tentativo di adottare un regolamento per la tutela dei diritti d’autore su Internet contro la pirateria digitale e l’Autorità si era accorta di non avere i poteri per emanare norme che pretendevano di sostituire la legge.
Non ci resta, pertanto, che aspettare la prossima estate.

R&P Mag 2.0

Sono passati poco più di due anni da quando abbiamo lanciato Repmag, poco tempo se guardiamo all'esistenza biologica umana, molto tempo se si consideriamo l'ecosistema digitale. In questo periodo abbiamo apportato piccoli e grandi cambiamenti ed assestamenti, necessari per rendere attuale e funzionale il magazine, ma oggi abbiamo fatto di più, ci siamo spostati, in avanti.

Abbiamo un nuova grafica. Il magazine ha cambiato pelle insieme al sito di R&P Legal per consentire ai contenuti di essere veicolati in maniera più efficiente e per permettere ai lettori di catturare meglio gli spunti dei redattori.

Abbiamo una nuova piattaforma. Oggi possiamo invitarvi sulla nostra infrastruttura dove potrete scegliere, filtrare, appuntare i contenuti che preferite e agganciare Repmag a Flipboard e agli altri socialmag residenti sui vostri device.

Abbiamo una nuova metrica. Vedrete i nostri contenuti nascere, crescere e diffondersi con nuovi ritmi, coordinati con gli eventi e predisposti per essere dinamici attraverso i social media.

Abbiamo però la passione di sempre, nella ricerca, nella condivisione e nella propensione all'innovazione, non solo come avvocati, ma anche come indicizzatori digitali di contenuti legali.

R&P LEGAL ha assistito Esprinet per la cartolarizzazione dei crediti commerciali

Il 27 Luglio 2015 Esprinet S.p.A. (Borsa Italiana, PRT) e la controllata totalitaria V-Valley S.r.l. hanno concluso  un'operazione di cartolarizzazione di crediti commerciali per un importo massimo di 80,0 milioni di euro.

L'operazione è stata strutturata da UniCredit Bank AG - London Branch in qualità di Sole Arranger e prevede la cessione rotativa pro-soluto su base mensile di crediti commerciali per un periodo massimo di 3 anni alla società veicolo Vatec S.r.l. appositamente costituita ai sensi della Legge n. 130/1999.

R&P Legal, con il socio Giovanni Luppi ha assistito gli originators Esprinet e V-Valley per gli aspetti legali, mentre per gli aspetti finanziari ha provveduto ValeCap.

R&P Legal: Music & New Media

  • 23 July 2015 |
  • Pubblicato in Art Law

Lo spettacolo e la musica sono tra le discipline su cui si sta concentrando lo Studio R&P Legal. Diversi gli artisti che sta assistendo tra cui Laura Pausini, Tiziano Ferro, Il Volo, i Subsonica e Marco Mengoni per quanto riguarda la protezione dei contenuti in Rete, la web reputation, vale a dire la la tutela della reputazione sui mezzi social.

“Per Mengoni in particolare lo studio ha collaborato anche alla realizzazione di un’app, scaricabile su smartphone, che introduce i fans nel mondo del cantante, contiene brani esclusivi ed è inoltre un veicolo per creare effetti speciali durante i concerti, sincronizzando i cellulari con le luci durante gli show dell’artista” spiega l’avvocato Pierluigi De Palma di R&P Legal in un articolo apparso su Corriere Economia.

Leggi l’articolo completo sul Corriere Economia del 20 Luglio 2015

 

Restiamo in contatto

Ricevi gratuitamente la nostra newsletter.

Il Blog di Riccardo Rossotto

Visita il Blog di Riccardo Rossotto.

Torino
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milano
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Roma
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy
Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy