Call Us +39 011 55.84.111

  • R&P Legal

    Spirito di squadra, conoscenza del business dei clienti, visione strategica, disponibilità, passione, fondamento etico, costo compatibile.

  • Puntiamo sulla competenza

    R&P Legal è uno studio italiano full service, indipendente e con primarie connessioni internazionali, fondato nel 1949.

  • Trattiamo con il mondo... da vicino

    Contiamo su un’articolata rete di primari studi legali di comprovata esperienza nelle principali giurisdizioni estere.

R&P Legal è uno studio legale indipendente, fondato nel 1949, con sei sedi in Italia e con primarie connessioni internazionali, dove lavorano più di centocinquanta professionisti qualificati che forniscono assistenza full service.

Ultime notizie

Prev Next

Al via il canale R&P Legal Impact & Sustainability su twitter e linkedin

La Redazione - avatar La Redazione - 19-02-2020 - News

R&P Legal lancia il canale R&P Legal Impact & Sustainability dando voce alla propria e consolidata esperienza nell’ambito dell’economia sociale, del Terzo settore, delle forme imprenditoriali ibride e della finanza sociale.

Leggi tutto

R&P Legal sponsorizza la moot court Philip C. Jessup

La Redazione - avatar La Redazione - 18-02-2020 - Charities & Social Enterprises

Anche quest’anno R&P Legal ha sostenuto la Philip C. Jessup International Law Moot Court Competition, una competizione giuridica tra studenti universitari che ha ad oggetto un processo simulato davanti alla Corte Internazionale di Giustizia e che vede la partecipazione di più di 700 università provenienti da oltre 90 Paesi...

Leggi tutto

Non sussiste il reato di violazione degli obblighi di assistenza famigliare in c…

Maria Grazia Passerini - avatar Maria Grazia Passerini - 16-02-2020 - Famiglia e Successioni

La Corte d’appello di L'Aquila confermava la pronuncia del Tribunale di primo grado con la quale il padre di tre figli era stato condannato per il reato di cui all’art. 570 bis c.p. ‘Violazione degli obblighi di assistenza familiare in caso di separazione o di scioglimento del matrimonio’, per essersi sottratto agli obblighi di assistenza, facendo mancare i ...

Leggi tutto

Base associativa degli ETS: arrivano i chiarimenti del Ministero

Giuseppe Taffari - avatar Giuseppe Taffari - 15-02-2020 - Charities & Social Enterprises

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha diramato una nota fornendo degli importanti chiarimenti in merito alla composizione della compagine associativa degli enti del Terzo settore.

Leggi tutto

Nuove linee guida 3/2019 in tema di videosorveglianza

La Redazione - avatar La Redazione - 11-02-2020 - Privacy & Data Protection

Con la recente pubblicazione delle nuove linee guida 3/2019 in tema di videosorveglianza, l’EDPB – il Comitato europeo per la protezione dei dati personali - ha fornito utili precisazioni in merito alla valutazione del legittimo interesse e alla tutela del diritto di accesso. In particolare, il Comitato raccomanda ai titolari del trattamento di: (i)       ...

Leggi tutto

Aggiudicazione all'asta dell'immobile pignorato: non è prorogabile il termine pe…

Maria Grazia Passerini - avatar Maria Grazia Passerini - 11-02-2020 - Recupero Crediti & Esecuzioni

La Suprema Corte si è espressa in tema di prorogabilità del termine per il versamento del saldo prezzo in caso di vendita all’asta e conseguente aggiudicazione di un immobile pignorato. Il caso nasce dal Tribunale di Busto Arsizio ove era stata concessa agli aggiudicatari una proroga del termine, invocando il disposto dell’art. 153 c.p.c., secondo cui: ‘La ...

Leggi tutto

Garante Privacy VS Telemarketing: prime sanzioni GDPR per chiamate commerciali i…

Chiara Agostini - avatar Chiara Agostini - 11-02-2020 - Privacy & Data Protection

Con i provvedimenti n. 232 dell'11 dicembre 2019 e n. 7 del 15 gennaio 2020, il Garante Privacy ha inflitto pesanti sanzioni ad Eni Gas e Luce e Tim, ammontanti, rispettivamente, a 8 milioni di euro e 27,8 milioni di euro.

Leggi tutto

Legittime le Clausole statutarie anti-diluizione: Il Consiglio Notarile di Milan…

Veronica Vagnucci - avatar Veronica Vagnucci - 11-02-2020 - Corporate M&A

È legittima la clausola statutaria di s.p.a. o di s.r.l. che garantisce ad un socio – o a una categoria di soci – di mantenere la propria percentuale di partecipazione in una società anche nel caso in cui questi non intenda partecipare ad un aumento di capitale deliberato a un prezzo inferiore all’importo determinato nella clausola stessa (importo che, in ge...

Leggi tutto

Direttiva (UE) 2019/2121 disciplinante le trasformazioni, fusioni e scissioni tr…

Giulia Pairona - avatar Giulia Pairona - 07-02-2020 - Corporate M&A

È stata pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea la Direttiva (UE) 2019/2121, adottata dal Parlamento europeo e dal Consiglio il 27 novembre 2019, che modifica la Direttiva (UE) 2017/1132 per quanto riguarda le trasformazioni, le fusioni e le scissioni transfrontaliere. Il termine per il recepimento nazionale è fissato al 31 gennaio 2023. La...

Leggi tutto

Nuovo Codice di Corporate Governance per le società quotate sul Mercato Telemati…

Fabrizio Iliceto - avatar Fabrizio Iliceto - 07-02-2020 - Banking & Finance

In data 31 gennaio 2020, il Comitato per la Corporate Governance – costituito nell’attuale configurazione nel giugno 2011 ad opera dell’ABI, ANIA, Assonime, Confindustria, Borsa Italiana S.p.A. e Assogestioni – ha comunicato di aver approvato il nuovo Codice di Corporate Governance per le società con azioni quotate sul Mercato Telematico Azionario, organizza...

Leggi tutto

Tutela cautelare delle app: il punto del Tribunale di Milano tra software, banch…

Nicola Berardi - avatar Nicola Berardi - 06-02-2020 - Intellectual Property

Con ordinanza del 03/12/2019, emessa a seguito del ricorso depositato dalla società titolare di una delle app per pagamenti digitali più diffuse in Italia, il Tribunale di Milano (Sezione Specializzata in materia di Impresa) ha avuto modo di trattare numerosi profili connessi alla tutela giuridica delle applicazioni mobile. La società ricorrente lamentava ...

Leggi tutto

Esela Annual Conference 2020 – The Impact of Business in a Changing Climate

Roberto Randazzo - avatar Roberto Randazzo - 06-02-2020 - Charities & Social Enterprises

Il 27 e 28 aprile, a Londra, presso la London School of Economics, si terrà l’Annual Conference 2020 di Esela - The legal network on social impact, il movimento che riunisce, da tutto il mondo, studi legali, investitori, imprenditori, accademici, consulenti e policy makers a supporto dell’Impact Economy. Grazie all’impegno del Partner Roberto Randazzo, Pres...

Leggi tutto

Aggiornamento dei Modelli Organizzativi alla luce dell’introduzione dei reati tr…

Piero Magri - avatar Piero Magri - 03-02-2020 - Criminal Law

Di Avv. Piero Magri e Avv. Letizia Catalano   1. Premessa La Legge 19 dicembre 2019, n. 157, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 24 dicembre 2019, ha convertito con modificazioni il decreto legge 26 ottobre 2019, n. 124 “Disposizioni urgenti in materia fiscale e per esigenze indifferibili” introducendo importanti novità in materia di reati tributari e res...

Leggi tutto

Brexit: i riflessi in materia di proprietà intellettuale

Nicola Berardi - avatar Nicola Berardi - 03-02-2020 - Intellectual Property

Il 31/01/2020 è intervenuto formalmente il recesso del Regno Unito dall’Unione Europea in forza di un accordo che, ponendosi l’obiettivo di “garantire un recesso ordinato”, prevede la fissazione di un periodo di transizione (fino al 31/12/2020, prorogabile tra le parti per massimo 2 anni) durante il quale il diritto dell’Unione continuerà ad applicarsi. Le...

Leggi tutto

Sabato 8/2 Andrea E. M. Eliseo docente del master del Sole 24 Ore denominato …

La Redazione - avatar La Redazione - 03-02-2020 - News

Anche quest’anno il Dott. Andrea E. M. Eliseo - Of counsel di R&P Legal – parteciperà in qualità di docente al Master del Sole 24 Ore denominato "Protezione, trasmissione e gestione dei patrimoni familiari" tenendo una lezione incentrata sulla pianificazione societaria.

Leggi tutto

La particolare tenuità del fatto non si applica alla responsabilità amministrati…

Bianca Lo Bello - avatar Bianca Lo Bello - 31-01-2020 - Criminal Law

La Corte Suprema di Cassazione, Sez. III Penale, con la sentenza n. 1420 del 15/01/2020 - in relazione al reato di cui all’art. 256 del D.Lgs. 152/2006 per l’esecuzione di attività di recupero di rifiuti speciali non pericolosi da parte del legale rappresentante di una società - ha chiarito che non si può applicare la causa di esclusione della punibilità per...

Leggi tutto

V INTERNATIONAL FAMILY OFFICE ROUND TABLE

La Redazione - avatar La Redazione - 31-01-2020 - News

R&P Legal ed AIFO (Associazione Italiana Family Officer) organizzano il 12 febbraio 2020 a Milano la quinta edizione dell’International Family Office Round Table, dal titolo “Social impact: the role of family offices and wealthy families across geographies”. L’evento vedrà tra i relatori la Dott.ssa Fadrique de Vargas Machuca (Vice President and Head of...

Leggi tutto

La responsabilità solidale negli appalti

La Redazione - avatar La Redazione - 31-01-2020 - Lavoro e Relazioni Industriali

Il 4 febbraio 2020 alle ore 10.15 – 12.30, presso la sede di Confindustria Moda in Via Alberto Riva Villasanta 3 a Milano, gli avvocati Paolo Grandi e Piergiorgio Bonacossa di R&P legal interverranno sul tema della responsabilità solidale degli appalti nel settore fashion.

Leggi tutto

Società con due soci al 50%: in caso di stallo il Tribunale nomina il liquidator…

Paolo Grandi - avatar Paolo Grandi - 31-01-2020 - Corporate M&A

Fondare una società con due soci al 50% ciascuno è una via che appare spesso “equilibrata” per avviare una nuova avventura imprenditoriale. I due soci si sentono “alla pari” ed è naturale dividere a metà il capitale, oltre che oneri ed onori della gestione aziendale. Tuttavia, se malauguratamente i due soci incorrono in un dissidio sulla gestione della socie...

Leggi tutto

Licenziamento del Dirigente: termini di impugnativa solo per “nullità”

Federico Allavelli - avatar Federico Allavelli - 27-01-2020 - Lavoro e Relazioni Industriali

di Antonella Iaderosa e Federico Allavelli Con sentenza n. 395 del 13 gennaio 2020, la Sezione Lavoro della Cassazione interviene sull’applicazione dell’art. 32, comma 2, L. 183/2010 nel caso di licenziamento del Dirigente, chiarendo il perimetro dell’estensione dei termini di impugnativa “a tutti i casi di invalidità del licenziamento”. A tal fine, riperc...

Leggi tutto

L’importanza dell’adozione di policy aziendali in ambito privacy alla luce del r…

Chiara Agostini - avatar Chiara Agostini - 27-01-2020 - Privacy & Data Protection

di Chiara Agostini e Giacomo Pataracchia Le policy privacy aziendali sono davvero utili per dimostrare il rispetto del GDPR? Si, ma solo se sono efficaci ed effettivamente applicate in azienda. Questa è la risposta che il Garante Privacy ha dato con il provvedimento 231/2019, con cui ha inflitto una sanzione amministrativa di 3 milioni di euro per l’illec...

Leggi tutto

Bancarotta esclusa se il passivo del fallimento è solo verso l’Erario e gli Isti…

Piero Magri - avatar Piero Magri - 27-01-2020 - Criminal Law

La Corte di Cassazione, in una sentenza depositata il 23 gennaio 2020, ha ritenuto che il semplice mancato pagamento di debiti erariali e verso le Banche non costituisce una condotta distrattiva fraudolenta. Per la sussistenza del reato di bancarotta infatti, è necessario un ulteriore profilo fraudolento e pertanto non può essere rilevante penalmente, solo ...

Leggi tutto

Responsabilità degli enti ex D. Lgs. 231/2001 estesa anche ai reati tributari

Letizia Catalano - avatar Letizia Catalano - 26-01-2020 - Compliance 231

Il Senato della Repubblica, nella seduta del 17 dicembre scorso, ha approvato in via definitiva il Disegno di Legge n. 1638 di conversione in legge del D.L. 26 ottobre 2019, n. 124 recante “Disposizioni urgenti in materia fiscale e per esigenze indifferibili”.

Leggi tutto

R&P LEGAL apre una nuova sede a Bologna

La Redazione - avatar La Redazione - 26-01-2020 - News

R&P Legal apre a Bologna con l’ingresso di quattro nuovi soci: Anna Masutti, Claudio Perrella, Alessio Totaro, Pietro Nisi. Il nuovo gruppo di professionisti è formato da specialisti del diritto della navigazione, che hanno ampliato progressivamente la loro area di intervento professionale anche nell’ambito del diritto assicurativo e del commercio inter...

Leggi tutto

Frodi finanziarie: via libera del Consiglio dei Ministri all’attuazione della di…

Valeria Valentini - avatar Valeria Valentini - 24-01-2020 - Criminal Law

Il 23 gennaio 2020, il Consiglio dei Ministri ha approvato, in via preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva PIF (2017/1371), relativa alla lotta contro le frodi che ledono gli interessi finanziari dell’Unione Europea. Secondo quanto si apprende dal comunicato stampa della seduta, tra le novità principali del decreto legislativo, è pr...

Leggi tutto

Approvato il disegno di legge sull’ambush marketing in vista degli Europei di ca…

Nicola Berardi - avatar Nicola Berardi - 24-01-2020 - Intellectual Property

Il 13/01/2020 è stato approvato in Consiglio dei Ministri lo schema di ddl per il contrasto alla pubblicità parassitaria (c.d. ambush marketing), ossia ad ogni forma di condotta avente la finalità di associare abusivamente l’immagine di un’impresa ad un evento per giovarsi dell’impatto mediatico e pubblicitario del medesimo in assenza di alcun contratto per ...

Leggi tutto

Azione diretta contro l’assicurazione anche se l’auto ha targa straniera

Daniele Merighetti - avatar Daniele Merighetti - 23-01-2020 - Responsabilità Civile e Risarcimento Danni

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 1161 del 21 gennaio 2020, in tema di risarcimento del danno da incidente stradale, ha stabilito che la persona trasportata può avvalersi dell’azione diretta nei confronti dell’impresa di assicurazioni del veicolo, sul quale viaggiava al momento del sinistro, anche se quest’ultimo sia stato determinato da uno scontro...

Leggi tutto

Andrea E. M. Eliseo parla del ruolo dei family office nel passaggio generazional…

La Redazione - avatar La Redazione - 21-01-2020 - News

Andrea E. M. Eliseo – Of  Counsel dello Studio R&P Legal – parteciperà in qualità di relatore ad una tavola rotonda incentrata sul ruolo dei Family Office nella gestione dei patrimoni complessi, in particolare nella fase del passaggio intergenerazionale della ricchezza. La discussione verterà sul ruolo dei Family Office nella valutazione e coordinamento...

Leggi tutto

Le Organizzazioni private dell’arte contemporanea in italia - Roma, 23 gennaio 2…

La Redazione - avatar La Redazione - 15-01-2020 - News

Giovedì 23 gennaio 2020 ore 10.00 presso l'Associazione Civita - Sala Gianfranco Imperatori a Roma, Piazza Venezia 11, l’avvocato Riccardo Rossotto, segretario generale del Comitato Fondazioni Arte Contemporanea e senior partner di R&P Legal, interverrà alla presentazione di “Le Organizzazioni private dell’arte contemporanea in italia”. L’incontro, real...

Leggi tutto

Appalto: nuovi importanti adempimenti (e sanzioni)

Federico Allavelli - avatar Federico Allavelli - 14-01-2020 - Lavoro e Relazioni Industriali

La recente Legge 157/2019 (Gazz. Uff. 24 dicembre 2019, n. 301) ha convertito, con modificazioni, il D.L. 124/2019 (c.d. Decreto Fiscale), introducendo nel D.Lgs.  241/1997 (Norme di semplificazione degli adempimenti dei contribuenti in sede di dichiarazione dei redditi e dell'imposta sul valore aggiunto, nonché di modernizzazione del sistema di gestione del...

Leggi tutto

Emiliano Giovine interviene alla Winter School “HUMUS - HUman Mobility and migra…

La Redazione - avatar La Redazione - 13-01-2020 - Charities & Social Enterprises

Mercoledì 15 gennaio Emiliano Giovine interverrà alla terza giornata della Winter School organizzata dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano ed intitolata “HUMUS - HUman Mobility and migration as a resoUrce for organizationS”, di cui R&P Legal è Institutional partner. Questo corso di alta formazione per studenti e professionisti internaziona...

Leggi tutto

Cookie: cresce l’incertezza su tale tematica tra vecchie norme e nuove linee gui…

Chiara Agostini - avatar Chiara Agostini - 13-01-2020 - Privacy & Data Protection

Il corretto utilizzo dei cookie nei siti web, tematica spesso al centro di accese discussioni, nel corso degli ultimi mesi è stato oggetto non solo della discussa sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea sul caso Planet49 (C-673/17, pubblicata in data 1.10.2019), ma anche di alcuni provvedimenti emanati dalle autorità europee garanti per la prot...

Leggi tutto

Il decreto fiscale 2020 interviene sulle società semplici: dividendi tassati dir…

Luigi Macioce - avatar Luigi Macioce - 10-01-2020 - Wealth Management & Private Client

Luigi M. Macioce e Andrea E. M. Eliseo Il regime fiscale degli utili corrisposti alle società semplici è stato modificato dal Decreto fiscale collegato alla legge di Bilancio 2020 che ha introdotto il principio di tassazione per trasparenza in capo ai soci. Gli utili distribuiti alle società semplici, in qualsiasi forma e sotto qualsiasi denominazione, anc...

Leggi tutto

Tassazione trust esteri: le novità contenute nel Decreto fiscale 2020

Luigi Macioce - avatar Luigi Macioce - 10-01-2020 - Wealth Management & Private Client

Luigi M. Macioce e Andrea E. M. Eliseo Il Decreto fiscale collegato alla legge di Bilancio 2020 ha apportato significative modifiche alla tassazione dei proventi derivanti da trust “opachi”. L’intento della norma è chiaramente antielusivo ed è volto ad assoggettare a tassazione i redditi corrisposti dai trust situati in Stati o territori a fiscalità privi...

Leggi tutto

Gare in forma telematica e caricamento della documentazione di gara

Pasquale Morra - avatar Pasquale Morra - 09-01-2020 - Enti Pubblici & Appalti

Con la recente sentenza del 7 Gennaio 2020 n. 86 il Consiglio Di Stato, Sez. III, ha affermato importanti principi applicabili nel caso di problemi di caricamento di documenti nelle gare espletate in forma telematica. Il Consiglio di Stato ha in primo luogo evidenziato il principio secondo cui non può essere escluso dalla gara un concorrente che abbia curat...

Leggi tutto

Il decreto legge n. 161/2019 modifica la disciplina delle intercettazioni di con…

Benedetta Guastoni - avatar Benedetta Guastoni - 09-01-2020 - Criminal Law

Il 1° gennaio 2020 è entrato in vigore il decreto legge n. 161/2019 (in allegato), recante Modifiche urgenti alla disciplina delle intercettazioni di conversazioni o comunicazioni. Le nuove disposizioni saranno applicabili unicamente ai procedimenti penali iscritti dopo il 29 febbraio 2020, come previsto espressamente dall’art. 1 del D.L. n. 161/2019, e di ...

Leggi tutto

Nuovo regime per le ritenute e compensazioni in appalti e subappalti

Marco Gardino - avatar Marco Gardino - 09-01-2020 - Contratti d'Impresa

La legge di conversione del collegato fiscale alla legge di bilancio 2020 introduce nuove e ulteriori modifiche in tema di oneri per il committente in merito alle ritenute sui redditi di lavoro dei dipendenti dell’appaltatore. La nuova norma prevede che i committenti che affidano il compimento di una o più opere o di uno o più servizi di importo complessivo ...

Leggi tutto

Ritenute e compensazioni in appalti e subappalti ed estensione del regime del re…

Piergiorgio Bonacossa - avatar Piergiorgio Bonacossa - 24-12-2019 - Lavoro e Relazioni Industriali

Con la legge di conversione del Decreto Legge n. 124 del 26.10.2019 è ora definito il quadro normativo in tema di responsabilità solidale nell’outsourcing. Al coinvolgimento dell’impresa committente, nell’esternalizzazione, outsourcing e affidamento di lavorazioni e servizi, per l’omesso pagamento delle retribuzioni e dei contributi previdenziali dovuti ai ...

Leggi tutto

Chambers Environmental Law Guide 2019

Maria Cristina Breida - avatar Maria Cristina Breida - 24-12-2019 - Ambiente & Energia

The Environmental & Energy Law Department of R&P legal, coordinated by Maria Cristina Breida, has edited the Chambers Environmental Law Guide 2019. Intended for an audience of foreign investors and Italian operators, the Guide offers an analysis of some key issues of Italian environmental law. Applicable regulatory framework, environmental corporate...

Leggi tutto

Pubblicata la Chambers Environmental Law Guide 2019

Maria Cristina Breida - avatar Maria Cristina Breida - 24-12-2019 - Ambiente & Energia

E’ stata pubblicata la Chambers Environmental Law Guide 2019 redatta dall’avv. Maria Cristina Breida e dal Dipartimento Ambiente & Energia da lei coordinato. Rivolta ad un pubblico di investitori stranieri e di operatori italiani, la Guida offre un’analisi di alcune tematiche chiave del diritto ambientale italiano. Quadro regolatorio applicabile, respon...

Leggi tutto
Luca Egitto

Luca Egitto

Esperto in proprietà intellettuale ed industriale, IT, privacy, diritto commerciale e societario in particolare nell’industria dell’intrattenimento, dello sport e del commercio elettronico.

Profilo: http://www.replegal.it/it/cerca-i-professionisti/150-luca-egitto.html

Modifiche al Codice di Proprietà Industriale: tutela più forte ai marchi rinomati

di Luca Egitto e Nicola Berardi

Il 23 marzo 2019 entrerà in vigore il D.Lgs. 15/2019 che recepisce la Direttiva UE 2015/2436 e apporta modifiche sia sostanziali sia processuali al Codice di Proprietà Industriale.

Tra le correzioni più rilevanti, il nuovo art. 20 CPI prevede il diritto del titolare del marchio di vietare ai terzi di usare nell’attività economica “un segno identico o simile al marchio registrato per prodotti o servizi anche non affini, se il marchio registrato goda nello stato di rinomanza e se l’uso del segno, anche a fini diversi da quello di contraddistinguere i prodotti e servizi, senza giusto motivo consente di trarre indebitamente vantaggio dal carattere distintivo o dalla rinomanza del marchio o reca pregiudizio agli stessi”.

Bando del MiSE per la concessione di agevolazioni alle PMI per la valorizzazione di marchi storici

Con avviso pubblicato in G.U. del 29/12/2016, il Ministero dello Sviluppo Economico ha comunicato lo stanziamento di 4,5 milioni di Euro per le attività di valorizzazione dei c.d. marchi storici, la cui prima domanda di deposito sia antecedente al 01/01/1967. Tale intervento si pone l’obiettivo di sviluppare e rilanciare i marchi che rappresentano storia e cultura d’impresa italiana, attraverso la concessione di agevolazioni – in forma di contributo in conto capitale – a micro, piccole e medie imprese.

Oggetto dell’agevolazione è la realizzazione di un progetto finalizzato alla valorizzazione di un marchio in corso di validità, in relazione al quale l’impresa titolare o licenziataria esclusiva potrà richiedere un’agevolazione per le spese sostenute, successivamente al 29/12/2016, per l’acquisto di servizi specialistici esterni e di beni strumentali ad uso produttivo. Il MiSE ha suddiviso le spese ammissibili in una prima fase, obbligatoria, nella quale rientrano quelle sostenute per l’acquisto di macchinari nonché per la consulenza finalizzata all’ammodernamento della catena produttiva ed al miglioramento nell’approccio al mercato; ed una seconda fase, facoltativa, nella quale rientrano le spese di consulenza sostenute per il rafforzamento del marchio, la tutela da azioni di contraffazione e l’estensione della registrazione a livello comunitario, internazionale o in ulteriori classi di prodotti e servizi.

Ciascuna impresa potrà presentare più richieste di agevolazione, in misura pari all’80% delle spese ammissibili, riferite a diversi marchi, ognuna fino al valore massimo di 80.000 Euro, per un importo complessivo per ogni impresa pari a 120.000 Euro.

La procedura funzionerà a sportello, seguendo l’ordine cronologico delle domande di agevolazione pervenute dalle imprese richiedenti, fino ad esaurimento delle risorse disponibili. Le domande potranno essere presentate esclusivamente online, prima compilando il form reso disponibile sul sito internet www.marchistorici.it e successivamente inviando i necessari documenti a mezzo PEC, a partire dalle ore 09:00 del 04/04/2017.

La versione integrale del bando e la relativa documentazione sono disponibili sul sito dell’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi.

Dal 15.02.2016 la piattaforma di risoluzione delle controversie tra professionisti e consumatori

Dal 15 Febbraio 2016 sarà disponibile a consumatori e professionisti la nuova piattaforma di Online Dispute Resolution (ODR) introdotta dalla Commissione Europea: la piattaforma consentirà di dirimere le loro controversie online (evitando così le lungaggini e i costi dei processi ordinari), anche in relazione a questioni transfrontaliere. Gli operatori online saranno obbligati ad inserire un link alla piattaforma ODR sui loro siti al fine di agevolare l’accesso alla procedura, che prevede che gli organismi di ADR aditi agiscano da arbitri al fine di risolvere le controversie tra i consumatori e i professionisti che proporranno i loro ricorsi su tale piattaforma.

Link alla fonte

Equo compenso, la Corte di Giustizia decide sull’interpretazione della direttiva 2001/29/CE sull’armonizzazione di taluni aspetti del diritto d’autore e dei diritti connessi nella società dell’informazione

La CGE si è pronunciata in merito all’interpretazione dell’art. 5, par. 2, a)-b), DIR. 2001/29, specificando che tali disposizioni (1) impongono di differenziare l’entità dell’equo compenso in relazione alle diverse tipologie di utenti e non consentono alla normativa nazionale (2) di assegnare agli editori una parte dell’equo compenso (3) di istituire un sistema di riscossione dell’equo compenso indifferenziato che ricomprenda anche le riproduzioni di spartiti e di riproduzioni contraffatte e (4) di prevedere due forme di remunerazione, una a monte dell’operazione di riproduzione e una a valle della stessa, se la prima sia calcolata unicamente in funzione della velocità dell’apparecchio nel realizzare le riproduzioni e la seconda cambi a seconda che il debitore abbia cooperato o meno alla riscossione di tale remunerazione.

Link alla fonte

Approvato Il nuovo regolamento AGCOM a tutela degli utenti nei servizi di comunicazioni elettroniche

Il 12 Ottobre è scaduto il primo termine concesso agli operatori per adeguarsi al nuovo regolamento AGCOM “recante disposizioni a tutela degli utenti in materia di contratti relativi alla fornitura di servizio di comunicazioni elettroniche”, approvato il 25 Settembre 2015. L’AGCOM, con tale nuovo regolamento, ha inteso prestare garanzie rafforzate per gli utenti, in relazione al diritto di scelta libera e consapevole del proprio operatore, contrastando il pericolo di attivazioni non richieste o effettuate sulla base di informazioni pre-contrattuali o contrattuali non complete o fuorvianti.

Link alla fonte

Percezione e deriva del diritto d’autore

Iniziamo questa rubrica con l’obiettivo di ossigenare le tematiche giuridiche connesse con la “Rete” con il contributo di esperti di tecnologia. 

Ciò sul presupposto che per poter capire realmente il perimetro dei temi giuridici connessi alla rete bisogna tenere in considerazione gli aspetti tecnici legati alla formidabile evoluzione della tecnologia. 
I tempi dell’azienda giustiziari chiedono di prevenire i problemi giuridici attraverso un lavoro congiunto tra legali ed esperti di tecnologia. 
Siamo partiti da qui, da questa constatazione, per aprire un microfono con i “guru” della tecnologia informatica. 

Intendiamo sviluppare il dibattito con un continuo e costruttivo confronto tra operatori del diritto e quelli della rete.

L’incipit di questo “cantiere che si apre” non poteva che essere costituito dal tema del diritto d’autore e della sua tutela in rete. 
Leonardo Chiariglione, col quale collaboriamo da tempo su queste tematiche di attualità, si è dichiarato disponibile al confronto, ed ecco gli esiti del primo, stimolante, botta e risposta con lui (di seguito, la sigla “LE” corrisponde a Luca Egitto, avvocato dello studio R&P Legal, mentre “LC” sta per “Leonardo Chiariglione”).  

LE: “Come mai, con tutto l’impianto legislativo/legale per proteggere i prodotti creativi, le nuove generazioni non sembrano interessate ad appoggiarlo/approfittarne?”

LC: “Risponderò partendo dalle tue risposte/domande e aggiungendone delle mie. Spero che non ti focalizzerai su punti specifici (quali la mia inabilità a usare i corretti termini legali) perché ad una domanda come questa non c’è una risposta univoca, ma la risposta - se c’è - si può trovare integrando creativamente varie risposte, ognuna delle quali può benissimo - da sola - non essere valida.
Naturalmente in tutto quello che dirò absit iniuria verbis. Sì, esistono leggi, commi e codicilli di cui certamente i creatori si compiacciono, ma guardiamo la foresta e non gli alberi”.

LE: “Teoricamente le norme dovrebbero essere scritte in maniera coerente con i principi fondanti di un dato ordinamento e con le finalità preposte dal legislatore. Sicuramente è un cattivo legislatore chi scrive una norma per assecondare le proprie pulsioni cesariste o peggio la propria vanità intellettuale. Parimenti cattivo, e sicuramente più frequente, è il legislatore che scrive una norma per servire esclusivamente interessi particolari”.  

LC: “Il Copyright Act del 1710 e la Costituzione americana del 1787 ponevano a 14 anni (rinnovabili una volta) la durata del diritto. Quando si vede che, ogni volta che il “copyright di Topolino” scade, il Congresso americano si affretta ad estendere la durata legale del copyright, come ci si può aspettare che una persona di normale intelletto sia convinta che il diritto sia fondato su sani principi?” 

LE: Nei paesi anglosassoni l’utilità economica è un principio ritenuto sano, pertanto non vi è alcuna remora di tipo morale a dilatare la durata del diritto d’autore se si ritiene che questo possa generare ricchezza. Sicuramente la società il cui portafoglio di diritti risulterebbe dimagrito allo spirare del termine di protezione di un’opera eserciterà le necessarie pressioni per impedire che questo accada, tuttavia il legislatore difficilmente decide di prorogare il termine di durata esclusivamente per accomodare questo interesse privato poiché per quanto gigantesca possa essere la suddetta società titolare dei diritti, il suo benessere non può essere l’unica variabile nella sintesi di interessi sottostanti a una decisione di politica legislativa. In questi casi è verosimile che il legislatore, prima di regalare al titolare dei diritti d’autore altri dieci anni di royalties, metta sulla bilancia i benefici economici di cui godrebbe la società nel caso in cui un’opera diventasse di pubblico dominio insieme a quelli derivanti dall’estensione della tutela. Sono sicuro che l’analisi economica alla base della decisione del legislatore americano nel “Mickey Mouse Act” (noto anche come “Sonny Bono Act”, a dimostrazione che i lobbysti in campo erano diversi) indicasse distintamente che l’estensione del termine di protezione sarebbe stata l’opzione maggiormente utile dal punto di vista economico per la collettività. 

LC: Recentemente la Commissione europea ha proposto una direttiva per l’estensione della durata del copyright della musica (lo so che sto usando termini impropri) adducendo a motivazione che i longevi musicisti non avrebbero potuto godere dei benefici. Molti (incluso il sottoscritto) si sono opposti a questa direttiva che è stata implementata. Come può uno aver fiducia nel diritto quando tutti sanno che l’estensione è stata motivata dal prossimo passaggio in public domain delle musiche dei Beatles?

LE: Le istituzioni europee hanno dimostrato di essere ampliamente influenzabili, tuttavia vi è una sorta di par condicio in questa debolezza nei confronti dei lobbysti. La Commissione è più sensibile alle esigenze delle grandi imprese mentre il Parlamento è stato più volto condizionato da una rumorosissima minoranza di lobbysti diversamente global e attivisti open source: esempio massimo ne è stato l’affondamento della direttiva sui brevetti software, svanita nel nulla dopo anni di lavoro proprio a causa dell’intensissimo lobbying sui singoli membri del parlamento europeo da parte degli attivisti open source. Ogni decisione che impatta sulla creazione, estensione o dissoluzione di un diritto d’autore genera sostanziali divergenze ideologiche che determinano in seguito un dibattito politico in sede comunitaria. Se qualcuno ha chiesto alla Commissione di valutare l’estensione del termine di durata di protezione di una particolare opera dell’ingegno vi sono strumenti, presupposti e precedenti (la defunta direttiva brevetti su tutti) che consentono agli eventuali oppositori di farsi sentire in maniera anche fragorosa.  

LC: “Supponiamo pure che uno trovi un editore del proprio libro. Il munifico editore concederà, se va bene, il 7% dei ricavi all’autore. Supponiamo che questo sia giustificato nel mondo degli atomi, il fatto è che nel mondo dei bit le percentuali non cambiano. Come si può pensare che il diritto d’autore, non dico come è concepito, ma come è implementato sia un diritto d’autore e non un diritto di qualcun altro che con la creatività non ha nulla a che fare?”

LE: Il diritto d’autore moderno è un compromesso - esteso su scala globale con numerosi, talvolta monumentali, trattati internazionali sulla tutela delle opere dell’ingegno - tra il diritto dell’autore dell’Europa Continentale (il cui fulcro era il diritto della personalità dell’autore, da cui origina l’impulso creativo) e il copyright anglosassone (ossia il diritto dell’imprenditore di stampare e pubblicare l’opera a fronte del pagamento di un corrispettivo per l’autore). Quest’ultimo sistema - inizialmente - tutelava in maniera preponderante non tanto lo sforzo creativo dell’autore quanto l’investimento imprenditoriale dell’editore, tanto è vero che ha riconosciuto il diritto morale ai propri autori solo recentemente, essendo il diritto dell’autore continentale - quale diritto della personalità - alieno al sistema di common law (così come lo è il diritto all’immagine per esempio) e credo che tale approccio “supply side” sia rimasto nel sistema di copyright. Tuttavia se l’autore guadagna poco nella ripartizione dei ricavi con l’editore non è sempre colpa del diritto d’autore: potrebbe anche essere conseguenza di una trattativa privata nella quale l’editore ha mostrato di aver maggior potere contrattuale.  

LC: Un’intera generazione è nata e cresciuta in un contesto in cui il copyright delle opere d’ingegno semplicemente non esiste. Le industrie “affected” hanno speso il loro tempo arzigogolando su infiniti approcci legali al problema invece di essere promotori di una riflessione fondamentale su che cosa vuol dire “Proprietà intellettuale in un mondo di bit (cioè nella società dell’informazione)”. La Secure Digital Music Initiative (SDMI) di cui 13 anni fa accettai di essere l’Executive Director si rivelò uno strumento per tamponare l’erosione del business dei CD.

LE: Credo vi sia un colossale equivoco sottostante a questa considerazione generazionale. Io penso che oggi vi sia non tanto una generazione per la quale il copyright non esiste quanto una generazione che ignora l’esistenza del copyright sotto un velo d’ignoranza che si è deliberatamente messa addosso, usando spesso argomentazioni strumentali (parlo in particolare dell’Italia). In Italia un diritto altrui lo si riconosce solo quando questo è azionato nei propri confronti, mai prima. In assenza di coercizione o imposizione si presume - in mala fede - che un diritto non esista. Rispetto una regola solo se rischio una multa, solo se lo spauracchio della sanzione mi si agita di fronte, solo se vedo una guardia che mi rincorre urlandomi “ladro”. Per il fruitore medio della musica in formato digitale in Italia, se la regola non si manifesta in un confronto di tipo antagonista, repressivo, coercitivo, allora non esiste più. Se non c’è un cassiere a chiedermi il prezzo di copertina, se non c’è un esattore a chiedermi il pagamento, il diritto a percepire il corrispettivo non esiste più. Questa è l’argomentazione strumentale dei tanti che scaricano migliaia di canzoni illecitamente: “il cd è superato quindi non pago più la casa discografica”. La superficialità di questo ragionamento è evidente, tuttavia non è l’unico limite di questo approccio, che sconta una cattiva comprensione del dualismo del diritto d’autore, che retribuisce sia l’autore che l’editore: non pagare più la musica riduce i ricavi degli editori ma anche quelli dei musicisti (in questo ultimo caso li azzera). Una persona dotata dell’intelligenza necessaria per azionare un sistema di file sharing sa perfettamente che il diritto d’autore esiste, quindi la sua scelta di negare il diritto dell’autore di avere una retribuzione per il proprio lavoro è totalmente consapevole. Il mondo di bit è un mondo dove lo scambio economico continua e se è vero che i bit, abbassando (anzi riducendo a zero) i costi produttivi di moltiplicazione di un’opera, obbligano a ripensare l’entità della retribuzione per l’artista, è anche vero che questo mondo di bit ha bisogno di opere - anche musicali - e dei suoi autori: negare il diritto ad una retribuzione agli artisti ci avvia forzatamente ad un ambiente in cui la musica è generata solo dai burattini di Maria De Filippi e da X Factor. Il fatto che milioni e milioni di utenti decidano di non pagare un solo euro per le canzoni degli artisti che dicono di ammirare non è una vittoria libertaria ma una desolante ed offensiva dimostrazione di scarsissima considerazione per gli artisti. Questi milioni di utenti non risparmiano certo un centesimo di euro quando si tratta di ostentare hardware moderni e alla moda, che consentano loro di apparire abbienti nella vita reale e di apparire e basta nel mondo virtuale. Probabilmente il mondo è cambiato: dalla propensione ad affermarsi con la propria immaginazione si è passati all’ambizione di guadagnare con la propria immagine, moltiplicandola nel web. 

LC: “È possibile che le nuove generazioni siano state conquistate dal valore del parametro “tanti hit, tanti play” ma non ne sono sicuro. Io penso che chiunque, che non sia ideologicamente “biased” (e poi voglio ancora vedere) non si tirerebbe indietro davanti alla possibilità di guadagnare dalla sua opera intellettuale. Se non lo fa è perché - io penso che lui pensi - “tanto non riesco a guadagnarci niente” e “tanto il sistema è pensato per quelli là”. Del secondo non sarebbe di per sé niente di male se solo “quelli là” dimostrassero di saperci fare, invece sembrano brancolare nel buio, tanto è vero che l’unico che ha dimostrato di saperci fare non è uno di loro, ma Steve Jobs buonanima.”

LE: Ci sono almeno due colossali errori nel ritenere - in maniera quasi manicheista - Jobs uno che “capiva” e il legislatore “uno che non capisce”. Il primo errore sta nel voler paragonare Jobs e il legislatore: il primo è istituzionalmente dedicato ad inventare metodi di generare ricchezza per sé e per la propria compagnia e ne ha trovato uno assolutamente geniale (ossia un’obsolescenza ben programmata), mentre il legislatore per definizione non inventa nulla ma produce regole per tentare di limitare le esternalità negative dei comportamenti: è naturale che se metti a confronto Steve Jobs con il senatore McCain in materia di innovazione il primo sembri un genio e il secondo un cretino. Il secondo errore sta nel ritenere Jobs un antagonista dei sistemi proprietari e un promotore di conoscenza condivisa perché è l’esatto contrario: Apple guadagna grazie alla tutela giuridica del diritto d’autore, del design, dei brevetti e dei marchi. La sua poderosa macchina di marketing utilizza come arma da fuoco proprio la tutela legale, pertanto è assolutamente fuorviante indicarlo come antagonista della tutela tradizionale della proprietà intellettuale e industriale. Sul fatto che vi siano ragazzi che pensano che “il sistema è pensato per quelli la” la colpa va equamente distribuita tra la Scuola - ormai incapace di dare ai giovani gli strumenti minimi necessari per pronunciare qualcosa di più di qualche superficiale massimalismo - e gli operatori del diritto, tutti, che si sono rivelati incapaci di comunicare al mondo e soprattutto alle nuove generazioni i più elementari e basilari concetti di diritto che permeano la nostra società.

LC: ”Io penso - e questo vale non solo per il copyright - che il cittadino vada recuperato alla politica. Naturalmente non bastano le belle parole.”

Coordinatore:
Avv. Luca Egitto

 

Interlocutore:
Dott. Leonardo Chiariglione

Proprietà e paternità delle foto del profilo Facebook secondo il tribunale di Roma

Con sentenza 12076/15 dell’11 Maggio 2015 il Tribunale di Roma si è pronunciato in merito alla proprietà, all’uso e al riconoscimento di paternità delle foto dei profili personali degli utenti di Facebook. 

In termini di principi generali di diritto d’autore la decisione – nelle sue conclusioni - non ha nulla di particolarmente rivoluzionario, ma presenta, nell’ambito complessivo delle sue motivazioni, diversi passaggi di grande interesse per quanto riguarda la prova delle titolarità delle immagini pubblicate sul profilo di Facebook e l’ambito di efficacia della licenza contenuta nelle condizioni generali d’uso del social network.

La questione sottoposta all’attenzione dei giudici romani riguardava alcune fotografie realizzate dal titolare di un account Facebook e da questo pubblicate sul proprio profilo e, successivamente, prelevate da terze parti che le hanno cedute a un quotidiano nazionale. Successivamente alla pubblicazione delle foto sul quotidiano, un telegiornale nazionale ha ulteriormente diffuso le immagini nell’ambito di un reportage concernente la medesima notizia pubblicata dal quotidiano. In tutti questi casi né era stata chiesta autorizzazione all’uso delle foto al titolare dell’account né era stata riconosciuta a questo la paternità delle immagini. 

Il Tribunale di Roma ha ritenuto in primo luogo tutelabili ai sensi della LDA le foto del profilo, pur non riconoscendo alle stesse la tutela autorale riservata alla opere indicata all’art. 2 LDA. I giudici romani, infatti, hanno considerato le foto del profilo, eseguite al solo fine di documentare una situazione reale e senza alcun particolare estro creativo, non “artistiche” e quindi oggetto del diritto connesso previsto dall’art. 87 LDA (che riconosce al titolare il diritto di controllare la circolazione delle proprie fotografie). 

In secondo luogo, il Tribunale di Roma, ritenendo provata la paternità delle foto in capo al titolare dell’account, ha accolto le richieste di tutela di quest’ultimo contro i convenuti (coloro che avevano ceduto le sue foto al quotidiano e il quotidiano stesso), respingendo la difesa di questi ultimi secondo cui il caricamento su Facebook delle foto avrebbe implicato la perdita di titolarità dei diritti sulle stesse in virtù di quanto previsto dalle condizioni generali d’uso del social network. E’ questo il passaggio più importante (come anticipato sopra, infatti, non vi è nulla di innovativo nella conferma dei diritti ex art. 87 LDA in capo al titolare di una foto), perché il Tribunale di Roma vi inserisce importanti principi in merito alle prove sulla titolarità dei diritti sulle foto del profilo Facebook e sull’effettiva portata della licenza concessa a Facebook da parte degli utenti sui contenuti. 

Secondo i giudici romani “pur essendo astrattamente condivisibile l’affermazione secondo la quale la mera pubblicazione di una fotografia di una fotografia nella pagina personale di un social network, in specie Facebook, non costituisce, di per sé, prova della titolarità dei diritti di proprietà intellettuale su quel contenuto, tuttavia tale elemento, in mancanza di altre emergenze probatorie di segno contrario (come l’indicazione sulla fotografia di un terzo quale fotografo; la condivisione del contenuto appartenente ad altro utente o di altra pagina web; la notorietà dell’immagine appartenente ad altro fotografo, ecc.) può assurgere a presunzione grave, precisa e concordante della titolarità dei diritti fotografici in capo al titolare della pagina del social network nella quale sono pubblicate (art. 2729 c.c.)”. 

Inoltre, per il Tribunale di Roma, la pubblicazione di una foto sul proprio profilo Facebook non solo da luogo alla suddetta presunzione grave, precisa e concordante, ai fini della titolarità del diritto previsto dall’art. 87 LDA, ma soddisfa anche i requisiti previsti dall’art. 90 LDA (indicazione di nome del fotografo e data della fotografia) in virtù di una interpretazione evolutiva di tale norma. Infatti, nel caso di pubblicazione su Facebook “i terzi sono posti comunque nella condizione di individuare con l’ordinaria diligenza il nome del fotografo e la data della fotografia” e in grado di distinguere i “Contenuti IP” pubblicati da un utente (di cui lo stesso è titolare) “da quelli di terzi semplicemente condivisi da quello stesso utente”. In virtù di tali considerazioni secondo il Tribunale di Roma vi sarebbe una inversione dell’onere della prova “per cui la titolarità dei diritti fotografici si presume in capo a colui che ha pubblicato il contenuto e, affinché la riproduzione non venga considerata abusiva, spetta al riproduttore provare che la sua utilizzazione si è basata sul prelevamento di un file digitale non coperto da diritti di proprietà intellettuale in capo a colui che ha pubblicato la fotografia sul sito Facebook”: onere non assolto dai convenuti che non hanno fornito alcuna prova di segno contrario rispetto alla presunzione di titolarità prospettata dal Tribunale. 

L’ulteriore importante considerazione dei giudici riguarda anche la portata della licenza concessa dagli utenti a Facebook ai sensi delle condizioni generali d’uso del social network: tale licenza non sarebbe una autorizzazione “generalizzata di utilizzo e sfruttamento dei contenuti coperti da diritti di proprietà intellettuale in favore di qualunque terzo che accede alla pagina Facebook”. In ogni caso, la “pubblicazione sul social network Facebook non comporta la cessione integrale dei diritti fotografici spettanti all’utente”: motivo per cui il Tribunale di Roma ha ritenuto il titolare dell’account legittimato a tutelare in sede giudiziaria i suoi diritti esclusivi sulle foto del suo profilo ai sensi degli artt. 88 e ss. LDA. 

La sentenza, nel metabolizzare le regole e il funzionamento di Facebook, indica pertanto due principi importanti: il titolare dell’account si presume titolare dei diritti sulle foto pubblicate (e non condivise) sul suo profilo e l’accettazione delle condizioni generali d’uso di Facebook non comporta alcuna limitazione dei diritti su tali fotografie e sulla possibilità di controllarne l’utilizzazione. 

Illeciti online e giurisdizione: la CGE conferma il suo orientamento.

 

La CGE riafferma il criterio dell’accessibilità per accertare la giurisdizione in materia di illeciti commessi via internet e si pronuncia sul risarcimento del danno.

 

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione), 22 gennaio 2015, Nella causa C-441/13 - Regolamento (CE) n. 44/2001 – Articolo 5, punto 3 – Competenze speciali in materia di illeciti civili dolosi o colposi – Diritti d’autore – Contenuto dematerializzato – Messa in rete – Criteri per la determinazione del luogo dell’evento dannoso.

La CGE torna sul tema delle violazioni commesse via internet, in particolare delle violazioni del diritto d’autore, per riaffermare l’orientamento espresso nella sentenza nella causa C‑170/12 (commentata da Repmag qui, precisando al contempo alcuni importanti principi in materia di risarcimento del danno. Come nel caso C-170/12 (Peter Pinckney contro KDG Mediatech AG), anche qui la violazione del diritto di autore si consuma (o meglio origina) in una giurisdizione diversa da quella del titolare del diritto d’autore e si propaga attraverso la rete. In questo caso, sorto tra un architetto austriaco (la signora Hejduk) e un azienda tedesca (EnergieAgentur.NRW GmbH), le fotografie della professionista austriaca erano state utilizzate in un primo momento, e con il consenso dell’autrice, in Austria, da un collega della signora Hejduk, e successivamente, questa volta senza il consenso dell’autrice, dalla società convenuta (tedesca), che aveva pubblicato le fotografie dell’architetto austriaco sul proprio sito web e rendendole dunque accessibili a chiunque. Il Tribunale di Vienna ha sollevato l’eccezione preliminare nei confronti della CGE, relativamente al criterio determinante la giurisdizione, poiché dinanzi al foro scelto dall’attrice la società convenuta ha eccepito che non poteva considerarsi competente il tribunale di Vienna visto che la stessa società ha sede in Germania e ha pubblicato le foto da un sito con dominio con country code .de.

Il tribunale viennese ha pertanto chiesto alla CGE “se l’art. 5 (3) del Reg. CE 44/2001 sulla competenza, sul riconoscimento ed esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale debba essere interpretato nel senso che in una controversia concernente la violazione dei diritti connessi al diritto d’autore, commessa rendendo accessibile una fotografia su un sito Internet, gestito mediante un dominio di primo livello di uno Stato membro diverso da quello nel quale il titolare del diritto è domiciliato, competenti sono solo i giudici (i) dello Stato membro nel quale l’autore presunto della violazione ha la propria sede; nonché (ii) dello/gli Stato/i membro/i al/ai quale/i il sito Internet è destinato in base al suo contenuto”. Lo scorso settembre l’Avv. Cruz Villalon, nel suo parere sulla questione riferita alla CGE, aveva suggerito alla Corte stessa di adottare un nuovo e diverso criterio d’interpretazione del Reg. 44/2001, alla luce del c.d. “danno delocalizzato”, la cui individuazione mediante i consueti canoni territoriali non sarebbe più possibile, soprattutto nel caso in cui non vi sono atti di vendita del bene protetto ma semplici atti di messa a disposizione del pubblico (come appunto il caso della signora Hejduk). L’Avvocato Generale ha quindi consigliato di discostarsi dalla sentenza C-170/12 (Pinckney), sostenendo che, in caso di danno delocalizzato in virtù del tipo di opera o del mezzo impiegato per la sua comunicazione, non si possa applicare il criterio del luogo della concretizzazione del danno previsto dall’articolo 5, punto 3, del regolamento n. 44/2001. In tali ipotesi, ha sostenuto l’AG, la suddetta norma giustifica solo la competenza giurisdizionale dei giudici del luogo in cui si è verificato l’evento causale. La CGE ha però deciso di discostarsi dal parere dell’AG, in particolare dal criterio dell’evento causale, e di confermare l’orientamento espresso nel caso Pinckney (Causa 170/12), ossia il criterio dell’accessibilità e le connesse limitazioni in merito al risarcimento del danno. La CGE, infatti, ricordando l’orientamento nella sentenza Wintersteiger (Causa 523/10), ha ribadito che nei casi di violazione di diritti d’autore e di diritti connessi al diritto d’autore mediante la messa in rete su un determinato sito Internet di fotografie senza il consenso del loro autore, quale evento causale deve considerarsi l’avviamento del processo tecnico finalizzato alla visualizzazione delle fotografie sul suddetto sito Internet, concludendo quindi che il fatto generatore della violazione dei diritti d’autore va individuato nella condotta del proprietario di tale sito. Così argomentando, la Corte ha concluso che nel caso in esame gli atti suscettibili di configurare la suddetta violazione possono essere localizzati unicamente nel luogo in cui si trova la sede della società convenuta, dove la stessa ha preso ed attuato la decisione di mettere in rete delle fotografie sul proprio sito Internet: poiché tale sede non è situata nello Stato membro al quale appartiene il giudice del rinvio, deve essere esclusa la competenza dello stesso. La CGE ha verificato inoltre se il giudice viennese potesse ritenersi competente in base al criterio della concretizzazione del danno asserito, in virtù del quale - ai fini dell’articolo 5, punto 3, del regolamento n. 44/2001 - il danno causato da un’asserita violazione dei diritti di un autore si concretizza o può concretizzarsi in uno Stato membro diverso da quello in cui il convenuto ha preso ed ha attuato la decisione di mettere in rete delle fotografie su un determinato sito Internet. In tale ottica – coerentemente con la causa Pinckney (Causa 170/12) - la Corte ha in primo luogo escluso rilevanza al fatto che il sito fosse sotto un dominio .de (Deutscheland), poiché al fine di stabilire la competenza giurisdizionale ex art. 5, punto 3, del regolamento n. 44/2001, “è privo di rilevanza il fatto che il sito Internet di cui trattasi nel procedimento principale non sia destinato allo Stato membro del giudice adito” (Austria in questo caso). La CGE ha quindi riaffermato il criterio dell’accessibilità, confermando quindi che “la concretizzazione del danno e/o il rischio di tale concretizzazione derivino dall’accessibilità, nello Stato membro del giudice adito, per mezzo del sito Internet della EnergieAgentur, delle fotografie cui si ricollegano i diritti fatti valere dalla sig.ra Hejduk”. La Corte, tuttavia, ha chiarito che poiché la tutela dei diritti d’autore e dei diritti connessi al diritto d’autore accordata dallo Stato membro del giudice adito vale soltanto per il territorio del citato Stato membro, il giudice adito in base al criterio della concretizzazione del danno asserito “è esclusivamente competente a conoscere del solo danno cagionato nel territorio di tale Stato membro” (anche in questo senso, quindi, è stato ribadito l’orientamento espresso nella sentenza Pinckney).

Il Regolamento AGCom va in Corte Costituzionale

autore:

Luca Egitto

Dopo mesi di attacchi frontali all’Autorità Garante delle Comunicazioni veicolati in vario modo e attraverso diversi canali offline e online (quotidiani, blog collegati ai siti di quotidiani online, versioni online dei quotidiani, siti d’informazione militanti), il Regolamento in materia di tutela del diritto d'autore sulle reti di comunicazione elettronica e procedure attuative ai sensi del decreto legislativo 9 aprile 2003, n. 70 (già commentato su Repmag quiqui, di seguito “Regolamento”) – “figlio” contestatissimo dell’AGCom - è stato finalmente inviato alla Corte Costituzionale perché ne sia valutata la legittimità costituzionale. L’invio degli atti alla Corte Costituzionale da parte del TAR era prevedibile (o quanto meno non poteva essere escluso a priori) alla luce di quanto accaduto negli ultimi mesi tra l’Autorità e suoi antagonisti. Infatti, dopo il fallito tentativo di impedire l’adozione del Regolamento mediante intervento parlamentare, i gruppi di pressione ostili al Regolamento avevano annunciato che avrebbero fatto ricorso al TAR per chiedere l’annullamento della Delibera n. 680/13/CONS (con la quale era stato introdotto il Regolamento) anche alla luce dei presunti vizi di costituzionalità, tra gli altri, dell’iter deliberativo e del contenuto del Regolamento stesso. Così hanno fatto: con due ricorsi “gemelli” (anche se in realtà lo sono per la sola parte di censura di incostituzionalità, mentre per i motivi ancillari e secondari le due impugnazioni non sono esattamente gemelle) ANSO - Associazione Nazionale della Stampa Online, F.E.M.I. Federazione Media Digitali Indipendenti, Open Media Coalition e Altroconsumo, Assoprovider - Associazione Provider Indipendenti-Confcommercio, Movimento Difesa del Cittadino, Assintel – Confcommercio hanno chiesto al TAR di annullare – previa sospensiva – la Delibera sopra menzionata. L’aspetto curioso (ma gli aggettivi potrebbero essere molti di più) della decisione del TAR Lazio è che in entrambi i casi il Collegio ha ritenuto infondate tutte censure di merito di cui ai due ricorsi concludendo però che “quale interprete delle leggi che trovano applicazione ai fini della decisione, prima di pronunciare la reiezione del ricorso deve interrogarsi se le stesse siano compatibili con la nostra Costituzione”. La conclusione del TAR evidenzia quindi la questione principale oggetto di discussione, ossia il bilanciamento tra diversi interessi costituzionalmente garantiti e, in particolare, tra la tutela del diritto d’autore (ossia del diritto di proprietà) ed il diritto alla libera informazione ed espressione (quali diritti fondamentali previsti dalla Costituzione). Infatti, i gruppi di pressione contrari al Regolamento hanno sempre denunciato la possibile compromissione dell’esercizio dei suddetti diritti fondamentali nell’ipotesi di attuazione da parte di AGCom delle misure repressive delle violazioni del diritto d’autore previste dal Regolamento. Più in particolare, secondo i ricorrenti al TAR, la lesione dei suddetti diritti fondamentali avrebbe luogo sia perché le misure repressive dell’AGCom comporterebbero una compressione dei diritti di informazione ed espressione che solo un vero e proprio giudice potrebbe ordinare, sia perché le leggi che hanno dato i poteri all’AGom avrebbero travalicato i criteri di proporzionalità e ragionevolezza che dovrebbero ispirare il legislatore che interviene su aree interferenti con le suddette libertà fondamentali. Lo scenario più frequentemente ipotizzato dai ricorrenti nei numerosissimi attacchi all’AGCom e al Regolamento pubblicati su quotidiani e periodici è infatti quello della potenziale rimozione di contenuti leciti (semplici articoli o commenti critici) eseguita nell’ambito dell’attuazione di un provvedimento dell’AGCom, soggetto privo della copertura costituzionale necessaria per comprimere la libertà di espressione o il diritto all’informazione. E’ probabilmente il rischio (la cui entità è tutta da dimostrarsi nel caso del Regolamento) di questa potenziale limitazione di diritti fondamentali ad aver indotto il TAR Lazio a richiedere alla Corte Costituzionale una pronuncia pregiudiziale circa la possibile “illegittimità costituzionale dell’art. 5, comma 1, e degli artt. 14, comma 3. 15, comma 2, e 16, comma 3, del decreto legislativo 9 aprile 2003, n. 70, nonché del comma 3 dell’art. 32 bis del testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici approvato con decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177, come introdotto dall’art. 6 del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 44, sulla cui base è stata adottata la impugnata “Delibera n. 680/13/CONS del 12 dicembre 2013” recante il “Regolamento in materia di tutela del diritto d’autore sulle reti di comunicazione elettronica e procedure attuative” e l’ “Allegato A” alla predetta Delibera, per la violazione dei principi di riserva di legge e di tutela giurisdizionale in relazione all’esercizio della libertà di manifestazione del pensiero e di iniziativa economica, sanciti dagli articoli 2, 21, primo e sesto comma, 24 e 41 della Costituzione, nonché per la violazione dei criteri di ragionevolezza e proporzionalità nell’esercizio della discrezionalità legislativa e per la violazione del principio del giudice naturale, in relazione alla mancata previsione di garanzie e di tutele giurisdizionali per l’esercizio della libertà di manifestazione del pensiero sulla rete almeno equivalenti a quelle sancite per la stampa, con la conseguente violazione degli articoli 21, secondo, terzo e quarto comma, 24 e 25, primo comma, della Costituzione”. A questo punto non resta che attendere la risposta della Corte Costituzionale, che difficilmente porrà fine alla questione: infatti, qualora fosse confermata l’illegittimità costituzionale delle norme sopra evidenziate, nulla impedirà ai titolari dei diritti d’autore e all’industria dell’intrattenimento di cercare nuovamente strumenti di contrasto alle violazioni massive commesse via internet, alternativi e più celeri rispetto all’ordinaria tutela giurisdizionale, civile e penale, oggettivamente inadeguata a dare risposte tempestive al fenomeno della pirateria online, che ha in Italia una roccaforte di irriducibili sostenitori.

Restiamo in contatto

Ricevi gratuitamente la nostra newsletter.

Il Blog di Riccardo Rossotto

Visita il Blog di Riccardo Rossotto.

Torino
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milano
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Roma
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy

Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bologna
R&P Legal
Via D’Azeglio, 19
40123, Bologna - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy