Call Us +39 011 55.84.111

  • R&P Legal

    Spirito di squadra, conoscenza del business dei clienti, visione strategica, disponibilità, passione, fondamento etico, costo compatibile.

  • Puntiamo sulla competenza

    R&P Legal è uno studio italiano full service, indipendente e con primarie connessioni internazionali, fondato nel 1949.

  • Trattiamo con il mondo... da vicino

    Contiamo su un’articolata rete di primari studi legali di comprovata esperienza nelle principali giurisdizioni estere.

R&P Legal è uno studio legale indipendente, fondato nel 1949, con sei sedi in Italia e con primarie connessioni internazionali, dove lavorano più di centosettanta professionisti qualificati che forniscono assistenza full service.

Ultime notizie

Prev Next

Categoria dirigenziale e ferie non godute

Lavoro e Relazioni Industriali 23-10-2017 Marco Gianluigi Alberio

Pronunciandosi in relazione al generale divieto di monetizzazione delle ferie non godute, la Corte di Cassazione, con sentenza  10 ottobre 2017 n. 23697, ha ribadito l’orientamento consolidato secondo cui “il dirigente c...

Leggi tutto

Annali di Guerra 1939/1945 - Protagonisti Strategie Alleanze

News 20-10-2017 La Redazione

L’avvocato Riccardo Rossotto, senior partner di R&P Legal, terrà un ciclo di sei conferenze dal titolo: “Annali di Guerra 1939/1945 - Protagonisti Strategie Alleanze”.Le conferenze avranno luogo a Torino, presso il C...

Leggi tutto

Cassazione Civile: lo sfruttamento del progetto pubblicitario altrui viola il di…

Intellectual Property 20-10-2017 Nicola Berardi

Con sentenza n. 24062 del 12/10/2017, la Corte di Cassazione ha stabilito che in mancanza di prova scritta della cessione del diritto di sfruttamento dell’idea creativa, la società committente non possa utilizzare il pro...

Leggi tutto

Cassazione Civile: la cessione del disegno utilizzato come prototipo comprende i…

Intellectual Property 20-10-2017 Nicola Berardi

Con sentenza n. 20188 del 18/08/2017, la Corte di Cassazione ha stabilito che il comma 2 dell’art. 109 della legge sul diritto d’autore secondo cui, in deroga alla disciplina generale, “la cessione di uno stampo […] o di...

Leggi tutto

Sostegno alle startup innovative: Smart & Start

Fondi e Finanziamenti Pubblici 20-10-2017 Pasquale Morra

Con decreto del Ministro dello Sviluppo Economico pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 244 del 18 ottobre 2017 sono state introdotte alcune novità per gli incentivi a sostegno delle startup innovative. In particolare:...

Leggi tutto

Servizi e forniture infungibili, le linee Guida dell’ANAC

Enti Pubblici & Appalti 19-10-2017 Pasquale Morra

L’Autorità Nazionale Anticorruzione ha pubblicato le linee guida n. 8 aventi ad oggetto il “Ricorso a procedure negoziate senza previa pubblicazione di un bando nel caso di forniture e servizi ritenuti infungibili”. L’AN...

Leggi tutto

Deposito del prezzo dell’immobile dal notaio: la nuova disciplina

Real Estate 19-10-2017 Sabrina Straneo

Con la Legge annuale per il mercato e la concorrenza (l. 4 agosto 2017, n. 124, commi 142 e ss. modificativi dell’art. 1, commi da 63 a 67, della l. 27 dicembre 2013, n. 147), entrata in vigore il 29 agosto 2017, è stato...

Leggi tutto

Infortuni sul lavoro e valutazione dei rischi

Criminal Law 19-10-2017 Piero Magri

E' stata recentemente depositata la motivazione di una interessante sentenza della Suprema Corte in materia di infortuni sul lavoro che ha analizzato le responsabilità per un decesso di un progettista entrato in un canti...

Leggi tutto

Lombardia in prima linea con le tre nuove procedure precommerciali nel settore s…

Enti Pubblici & Appalti 18-10-2017 La Redazione

L’articolo, scritto dagli Avv.ti Riccardo Sciaudone ed Eleonora Caravà e pubblicato sulla rivista Il Sole 24 Ore (Quotidiano Enti Locali & PA), illustra brevemente l’esperienza della Regione Lombardia, in collaborazi...

Leggi tutto

Diritto fallimentare: approvata la legge delega per la riforma

Restructuring & Insolvency 16-10-2017 Sara Colli

Il Senato approva il disegno di legge “Delega per la riforma della crisi di impresa e dell’insolvenza”. La palla passa ora al governo al quale spetterà emanare i Decreti Legislativi, e la promessa è quella di “chiudere” ...

Leggi tutto

L’ Avv. Luca Egitto relatore al seminario della Camera di Commercio di Torino su…

News 16-10-2017 La Redazione

L’Avv. Luca Egitto parteciperà, in veste di relatore, al seminario organizzato dalla Camera di Commercio di Torino sul tema dei “Diritti IP e nuove strategie trasversali in Europa”. Il seminario si terrà presso il Centro...

Leggi tutto

Gli avvocati Paolo Grandi e Veronica Vagnucci relatori al seminario “I contratti…

News 16-10-2017 La Redazione

Gli avvocati Paolo Grandi e Veronica Vagnucci interverrano al seminario organizzato dalla  federazione SISTEMA MODA ITALIA dal titolo “I contratti della moda”, che si terrà a Milano il 24 ottobre 2017.Il seminario è orga...

Leggi tutto

Emissioni minibond: R&P Legal al fianco di MPG Manifattura Plastica

News 13-10-2017 La Redazione

Lo studio legale R&P Legal, con l’Avv. Giovanni Luppi, ha assistito MPG Manifattura Plastica, azienda specializzata nella produzione di imballaggi in plastica termoformata e iniettata per uso alimentare, che torna co...

Leggi tutto

L’avvocato Riccardo Rossotto relatore al corso di IAP sul tema de “Le regole del…

News 11-10-2017 La Redazione

L’avv. Riccardo Rossotto parteciperà, in veste di relatore, al corso organizzato da IAP, l’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria, sul tema de “Le regole della pubblicità”.Il Corso si terrà presso la sede IAP, in Via L...

Leggi tutto

Alfredo Camisa - Il “realismo formale” di un dilettante impegnato

News 11-10-2017 La Redazione

Dal 19.10.2017 al 14.01.2018 presso gli Spazi espositivi di R&P Legal sarà ospitata la mostra di Alfredo Camisa: il “realismo formale” di un dilettante impegnato. R&P Legal prosegue il proprio percorso espositiv...

Leggi tutto

R&P Legal e Giovanardi Pototschnig per la nascita di "Cotonificio Olces…

News 09-10-2017 La Redazione

R&P Legal e Giovanardi Pototschnig  hanno curato gli aspetti legali dell'operazione di aggregazione tra "Cotonificio Olcese" e "Cotonificio Roberto Ferrari", due primarie realtà industriali del Nord Italia, storicame...

Leggi tutto

Esteso il catalogo dei reati presupposto della responsabilità amministrativa deg…

Compliance 231 09-10-2017 Letizia Catalano

Lo scorso 27 settembre la Camera dei deputati ha approvato definitivamente il Disegno di Legge di modifica del Codice Antimafia che, tra le altre cose, ha esteso il catalogo dei reati presupposto della responsabilità amm...

Leggi tutto

La Commissione Europea ha diramato con una comunicazione indirizzata al Parlamen…

Criminal Law 09-10-2017 Marco Tullio Giordano

La Commissione Europea ha diramato con una comunicazione avente titolo “Tackling Illegal Content Online Towards an enhanced responsibility of online platforms” indirizzata al Parlamento ed al Consiglio contenente un set ...

Leggi tutto

Corte UE: la registrazione su cloud non rientra nell’eccezione di copia privata

TMT - Media Entertainment 09-10-2017 Angela Cataldi

Si è espresso in tema di registrazione sul cloud di programmi televisivi l’avvocato generale della Corte di Giustizia UE, Szpunar, con le sue conclusioni rassegnate nella causa C-265/16, avviata sulla base di un rinvio p...

Leggi tutto

Cybersecurity aumentano gli investimenti delle PMI Italiane

TMT - Cybersecurity 09-10-2017 Giuseppe Vaciago

Secondo un’elaborazione Unioncamere-InfoCamere sui dati del Registro delle imprese delle Camere di commercio, tra il 2011 e la metà del 2017 le imprese italiane che dichiarano di offrire servizi nel campo della sicurezza...

Leggi tutto

Cassazione Civile: il marchio registrato anteriore non sempre prevale sull’ident…

Intellectual Property 09-10-2017 Nicola Berardi

Con sentenza n. 20189 del 18/08/2017, la Corte di Cassazione ha stabilito che “il titolare del marchio previamente registrato non può vietare di per sé l’uso del segno distintivo in qualsiasi forma, e quindi anche come d...

Leggi tutto

Abuso d’ufficio e vendita di immobili di una Azienda Sanitaria Pubblica

Criminal Law 09-10-2017 Piero Magri

In una ampia sentenza depositata il 21 settembre 2017 (se ne allega solo uno stralcio) relativa alle vendite del patrimonio immobiliare di una ASP, la Corte di Appello di Milano ha ritenuto sussistente il reato di abuso ...

Leggi tutto

Va annullata per conflitto di interessi la compravendita immobiliare se il rappr…

Responsabilità Civile e Risarcimento Danni 05-10-2017 Daniele Merighetti

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 22981/2017, ha stabilito che la compravendita di un immobile va annullata per conflitto di interessi se il rappresentante – avendo fretta di concludere il contratto – trasferisce i...

Leggi tutto

ANAC, aggiornate le linee guida per società in house

Enti Pubblici & Appalti 05-10-2017 Pasquale Morra

Con deliberazione n. 951 del 20 settembre 2017 l’ANAC ha ritenuto opportuno procedere all’aggiornamento delle Linee guida n. 7, recanti «Istituzione dell’elenco delle amministrazioni aggiudicatrici e degli enti aggiudica...

Leggi tutto

Progetti di riconversione e riqualificazione per Trieste

Fondi e Finanziamenti Pubblici 05-10-2017 Pasquale Morra

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha attivato la procedura che mette a disposizione 15 milioni di euro per progetti di riconversione e riqualificazione dell’area di crisi industriale complessa di Trieste. L’obiettivo...

Leggi tutto

L’ Avv. Riccardo Sciaudone relatore nella tavola rotonda “Trasparenza e big data…

Antitrust & Competition 04-10-2017 La Redazione

L’Avv. Riccardo Sciaudone, Partner dello Studio R&P Legal, parteciperà in qualità di relatore alla tavola rotonda in tema di “Trasparenza e big data” organizzata dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università deg...

Leggi tutto

Distacco, appalto e co-datorialità nei gruppi d’impresa e contratti di rete

Lavoro e Relazioni Industriali 03-10-2017 La Redazione

Venerdì 06 Ottobre 2017, ore 14.30 / 18.30 - R&P Legal - Piazzale Cadorna 4 - Milano L’evento si propone di illustrare i contratti di distacco ed appalto, approfondendo i temi della co-datorialità nei gruppi d’impre...

Leggi tutto

Street Art e diritto: il caso di Yulier P. e la normativa italiana

Intellectual Property 29-09-2017 Chiara Agostini

È di fine agosto scorso la notizia della detenzione dell’artista cubano Julier Rodriguez (noto come “Yulier P.”), il quale ha dichiarato di esser stato detenuto in custodia per due giorni e di rischiare di essere accusat...

Leggi tutto

Non si può chiedere la nullità della compravendita immobiliare solo perché non è…

Responsabilità Civile e Risarcimento Danni 29-09-2017 Daniele Merighetti

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 22364 del 26 settembre 2017, ha stabilito che l’acquirente di un appartamento non può ottenere la declaratoria di nullità della compravendita immobiliare per il solo fatto che nell...

Leggi tutto

R&P al fianco di AVSI nella creazione di nuove imprese sociali in Uganda

Charities & Social Enterprises 29-09-2017 La Redazione

R&P Legal consolida il proprio ruolo a supporto di operazioni e investimenti a impatto in Africa e in particolare in Uganda, assistendo AVSI nella costituzione e nello sviluppo dell’impresa sociale Acquacoltura iFish...

Leggi tutto

Diritto d’autore: nuova eccezione a beneficio di persone disabili

Intellectual Property 28-09-2017 Nicola Berardi

Con il Regolamento 1563/2017 e la Direttiva 2017/1564, l’Unione Europea ha dato attuazione al Trattato di Marrakech, volto ad introdurre una nuova eccezione al diritto d’autore ed ai diritti connessi a beneficio di perso...

Leggi tutto

L'avv. Lorenzo Lamberti relatore al convegno di Assolombarda sul tema delle …

News 27-09-2017 La Redazione

L’avv. Lorenzo Lamberti parteciperà, in veste di relatore, al Convegno organizzato da Assolombarda sul tema delle “Liberalizzazioni immaginarie”. Il Convegno si terrà presso l'Auditorium Gio Ponti di Assolombarda, in Vi...

Leggi tutto

Piani di Risanamento e procedure concorsuali - Convegno presso l'Università degl…

News 27-09-2017 La Redazione

L’avv. Sara Colli parteciperà al Convegno organizzato dall'Università degli Studi di Bergamo, in collaborazione con AIGA, in materia di “Piani di risanamento e procedure concorsuali”. Il Convegno si terrà presso la sala...

Leggi tutto

“Cascina Massetta”, un nuovo progetto per Agritorino

Charities & Social Enterprises 26-09-2017 La Redazione

Una nuova sfida per Agritorino l’organizzazione senza scopo di lucro, presieduta dall’Avvocato Riccardo Rossotto, che raccoglie i principali attori dell'economia sociale torinese fra i quali Sermig, Cottolengo, Piazza de...

Leggi tutto

Disciplina e promozione delle imprese culturali e creative

Charities & Social Enterprises 25-09-2017 Giuseppe Taffari

Approda alla Camera la proposta di legge sulla disciplina delle imprese culturali e creative (A.C. 2950-A). Il provvedimento mira a rafforzare e qualificare l'offerta culturale nazionale ed a promuovere, contestualmente...

Leggi tutto

R&P Legal con Sciaudone nominato in eHealth Hub

News 24-09-2017 La Redazione

eHealth Hub sceglie  R&P Legal con il Partner Riccardo Sciaudone, come Legal and Regulatory Expert. E Heath Hub é il progetto finanziato dall’Unione europea per supportare le imprese (specialmente, quelle medio picc...

Leggi tutto

Privacy e sicurezza informatica nella PA - Le violazioni dei dati personali nell…

Privacy & Data Protection 24-09-2017 La Redazione

L’avv. Chiara Agostini parteciperà, in veste di relatrice, al prossimo Convegno organizzato da Paradigma in materia di “Privacy e sicurezza informatica nella PA”, trattando come tema la notifica delle violazioni dei dati...

Leggi tutto

Al via la seconda edizione del Voucher per l'internazionalizzazione

Fondi e Finanziamenti Pubblici 22-09-2017 Pasquale Morra

Il Ministero dello Sviluppo economico ha stanziato 26 milioni di euro a sostegno delle piccole e medie imprese che intendono avvalersi di temporary export manager per perseguire la loro strategia di internazionalizzazion...

Leggi tutto

Gare sottosoglia e partecipazione della sede inglese di una società statunitense

Enti Pubblici & Appalti 22-09-2017 Pasquale Morra

Con sentenza del 15 settembre 2017 n. 9734 il TAR Lazio, Roma, Sez. III quater ha affermato la legittimità della esclusione di una ditta da una procedura negoziata sotto soglia comunitaria indetta per l’affidamento di un...

Leggi tutto

Italian Antitrust Authority, Ryanair case:

Navigazione e Trasporti 22-09-2017 Maurizio Corain

Flight cancellations, Italian Antitrust Authority opens an investigation on Ryanair for alleged unfair commercial practices. Italian Antitrust Authority has opened an investigation on Ryanair for alleged unfair commerci...

Leggi tutto
Luigi Macioce

Luigi Macioce

E’ specializzato in operazioni straordinarie internazionali, M&A e private equity.

Profilo: http://www.replegal.it/it/tutti-i-soci/269-luigi-macioce.html

Amendments to the Italian Cultural Heritage Code: one small step in the legal framework, one giant leap in the Italian art market

  • 12 August 2017 |
  • Pubblicato in Art Law

According to the “Art Market 2017” (a report on the 2016 global art market issued by Art Economics and released during Art Basel Hong Kong) Italy represents one of the less developed art markets in the world, even though the successes of the Italian Sales at Sotheby’s and Christie’s in London and New York.

Actually, this scenario did not come unexpected. The disadvantageous fiscal system and the obsolete and inconsistent legal framework in force to date weakened the Italian art market charme and made Italy unable to compete with the other characters involved in the worldwide art market. However, starting from the 2nd August 2017, the regime regulating the circulation of cultural property in Italy has been amended by the yearly issued anti-trust law, which modifies the Italian Cultural Heriage Code and aims to simplify and enhance Italian art market’s efficiency as follows:

1. The introduction of a new “time limit”

The previous regulation provided that cultural objects made by artist who are dead and realized more than 50 years ago needed an exportation certificate issued by the administrative authority before they could live the Italian territory. Under the new regime, the mentioned time limit has been extended to 70 years, which implies that cultural objects aged less that 70 years will circulate in an easier way. This new aspect represents an outstanding acceleration for the circulation of Italian art in the global art market: art crafts belonging to Italian artists from the fifties and sixties, such as Alberto Burri, Enrico Castellani, Lucio Fontana e Mimmo Rotella will be able to be freely exported without being subject to strict requirements.

On the other hand, exportation of cultural objects will remain subject to the previous notification to the Ministry of Cultural Affairs (“Mibact”), which remains able to prevent such exportation as well, by declaring the existence of an “outstanding value” for the Italian cultural heritage of the cultural object concerned.

2. The economic value 

Secondly, the new regulation introduces an economic threshold of Euro 13.500, under which cultural objects can be freely exported with a mere selfcertification. On one hand, such economic threshold will enhance the art market efficiency, by simplifying – for instance – custom procedures and export controls.
However, on the other hand, the amount fixed by the amendments is so low that it risks to be totally inapplicable to concrete cases of exportation.

The art law reform provides also the following aspects. Firstly, in the 60 days after the release of the mentioned anti-law, the Mibact will set the criteria to be followed by administrative authorities to impede the exportation of cultural objects, reducing the high discretion that such authorities had to date. Secondly, the Mibact will set the contents of a new document, the “passport” of the cultural object exported, which has been introduced to record the progressive changes of ownership of the art craft concerned and which will be valid for a period of 5 years. In the light of the above-mentioned evaluation, it cannot be affirmed that these amendments will resolve all the weak point of the existing scenario: however, they surely constitute an attempt to promote the development of art and culture and show an increasing interest of the legislator to enhance the competitiveness and the dynamism of the Italian art market on a worldwide level.

Modifica al Codice dei Beni Culturali: un piccolo passo nel mondo legale; un grande salto per l’art market in Italia

  • 12 August 2017 |
  • Pubblicato in Art Law

Secondo “Art Market 2017” (report sul mercato globale dell’arte nel 2016 prodotto da Art Economics e rilasciato in occasione di Art Basel Hong Kong) l’Italia rappresenta uno dei mercati meno sviluppoati e dinamici nel mercato globale dell’arte, nonostante il forte appeal dell’arte contemporanea italiana (basti guardare le ultime Italian Sales di Sotheby’s e Christie’s a Londra e New York).

Non è un mistero, infatti, che la debolezza del nostro mercato sia dovuta, oltre allo sfavorevole regime fiscale, ad una disciplina arcaica, poco organica e inadeguata a trovare spazio in uno scenario sempre più dinamico e globalizzato. Tuttavia, a partire dal 2 agosto 2017, una serie di modifiche hanno interessato il Codice dei Beni Culturali e, in particolare, il regime sulla circolazione delle opere d’arte. Tale modifica, introdotta dalla Legge annuale in materia di concorrenza, rappresenta forse una risposta simbolica ma sicuramente un considerevole punto di inizio, finalizzato a semplificare la circolazione internazionale dei beni culturali. Le novità apportate dalla Legge sono:

1. L’introduzione di una nuova “soglia temporale” 

Fino ad oggi, esportare definitivamente dall’Italia un’opera d’arte, eseguita da un autore scomparso e realizzata più di 50 anni fa, richiedeva il rilascio di un attestato alla libera circolazione da parte degli Uffici Esportazioni delle Soprintendenze competenti. Con le modifiche al codice, si alza a 70 anni il “limite di età” delle opere, al di sotto del quale le stesse possono circolare senza alcun vincolo. Un’accelerazione notevole se si pensa che i lavori di alcuni dei maggiori artisti italiani degli anni 50 e 60, come Alberto Burri, Enrico Castellani, Lucio Fontana e Mimmo Rotella, diventerebbero liberamente esportabili senza autorizzazione preventiva.

Vero è che la libera circolazione rimane limitata dall’obbligo di notificare al Mibact l’intenzione di esportare l’opera e alla possibilità dello stesso Mibact di dichiararne “l’interesse culturale”, bloccandone l’esportazione.

2. La soglia economica

È stata, inoltre, fissata a € 13.500 la soglia di valore al di sotto della quale i beni possono liberamente uscire dal territorio nazionale presentando una semplice autodichiarazione. Se da un lato, una soglia simile avrà come conseguenza positiva la semplificazione delle procedure in dogana, a vantaggio degli operatori professionali o di chiunque voglia vendere un bene culturale, dall’altro, essendo veramente irrisoria (risulta ad oggi la più bassa d’Europa, nda), rischia di essere del tutto inapplicabile ai casi concreti.

Ma la riforma del mercato dell’arte italiano non si limita alle novità esposte. Innanzitutto, è attesa nei 60 giorni successivi all’emanazione della legge, la definizione da parte del MIBACT dei nuovi criteri in forza dei quali l’esportazione dell’opera in questione potrà essere bloccata, la quale inciderà sulla discrezionalità sino ad oggi adottata dalle Soprintendenze nel rilasciare o negare il certificato d’esportazione.
Il Mibact, inoltre, nei 60 giorni successivi l’emanazione della legge, dovrà fissare le caratteristiche di un nuovo strumento introdotto con la stessa, il “passaporto” per i beni culturali, documento di durata quinquennale nel quale registrare passaggi di proprietà ed esportazioni.

Le novità descritte si pongono sulla scia degli ultimi interventi normativi a sostegno dell’arte e della cultura, fortemente richiesti dagli operatori professionali del settore dell’arte (tra cui gallerie, case d’asta, antiquari e mercanti d’arte) e costituiscono la prova de crescente interesse da parte del legislatore non solo al mondo dei beni culturali, ma anche alla concreta necessità di globalizzazione e dinamicità che l’art market nazionale richiede per porsi in competizione con quello globale.

Patent Box: il nuovo regime opzionale di tassazione agevolata

Con la Legge di Stabilità 2015, in parte modificata dal Decreto Legge n. 3/2015, è stato introdotto un regime opzionale di tassazione agevolata dei redditi derivanti dall’utilizzo dei beni immateriali, il c.d. Patent Box. Tale regime ha una durata quinquennale ed è attuabile a partire dal periodo d’imposta 2015.

 

Due le forme in cui si concretizza l’agevolazione. 

A) La prima riguarda i redditi derivanti dall’utilizzo diretto o tramite concessione di uso a terzi di opere di ingegno, brevetti industriali, marchi, processi, formule e informazioni relativi ad esperienze acquisite nel campo industriale, commerciale e scientifico.  

A partire dal periodo di imposta 2015 è possibile escludere dalla base imponibile delle imposte sui redditi e dell’IRAP una quota dei redditi derivanti dallo sfruttamento degli intangibles, in misura pari al 30% nel 2015, al 40% nel 2016 e al 50% dal 2017. 

Ai fini del calcolo dell’agevolazione il procedimento è il seguente1:

i) determinare il reddito derivante dall’utilizzo degli intangibles;

ii) determinare il rapporto tra la totalità delle spese di ricerca, rilevanti ai fini fiscali, sostenute in proprio e di quelle commissionate a soggetti terzi (quali Università, enti di ricerca o imprese esterne), per le quali vi è un riconoscimento integrale, incrementate delle eventuali spese, rilevanti ai fini fiscali, sostenute per l’acquisizione dei beni immateriali o per contratti stipulati con società del gruppo fino a un massimo del 30%, e la totalità delle spese sostenute relative allo stesso bene.

iii) moltiplicare il reddito di cui al punto 1) per il rapporto di cui al punto 2), così da determinare il reddito soggetto ad agevolazione;

iv) applicare al reddito agevolabile le percentuali del 30%, 40% e 50% a seconda del periodo di imposta di riferimento;

 

B) La seconda riguarda le plusvalenze derivanti dalla cessione degli intangibles. In tale ipotesi, queste vengono escluse dalla formazione del reddito complessivo a condizione che almeno il 90% del corrispettivo derivante dalla cessione venga reinvestito nella manutenzione o nello sviluppo di altri beni immateriali entro il secondo periodo di imposta successivo a quello della cessione. 

 

Ambito soggettivo 

Possono beneficiare dell’opzione tutti i soggetti titolari di reddito del impresa (compresi i trust) anche se fiscalmente residenti all’estero purché in Paesi che abbiano stipulato con l’Italia un accordo contro le doppie imposizioni e con i quali vi sia un effettivo scambio di informazioni. In questo caso deve farsi riferimento ai redditi prodotti in Italia dalla stabile organizzazione attraverso lo sfruttamento degli “intagibles”.

È inoltre previsto che possano beneficiare dell’agevolazione coloro che svolgono attività di ricerca e sviluppo anche mediante contratti di ricerca stipulati con università o enti di ricerca e organismi equiparati.  

 

Ambito oggettivo 

L’agevolazione riguarda tutti i redditi derivanti dall’utilizzo diretto o tramite concessione di uso a terzi di opere di ingegno, brevetti industriali, marchi di impresa equivalenti ai brevetti, processi, formule e informazioni relativi ad esperienze acquisite nel campo industriale, commerciale e scientifico.

Nel caso di utilizzo diretto, l’ammontare del reddito riferibile all’utilizzo dei predetti beni è determinato sulla base di un accordo concluso con l’Agenzia delle Entrate ai sensi dell’art. 8 del D.L. 269/2003, convertito dalla L. 326/2003 (c.d. ruling internazionale). Lo stesso dicasi per i redditi i redditi derivanti da operazioni con società facenti parte dello stesso gruppo.

 

Il D.L. “Investment Compact”

Lo scorso 24 gennaio è stato approvato il Decreto Legge n. 3 del 2015 recante alcune disposizioni che in parte modificano quanto detto finora.

Se il decreto verrà convertito in legge senza modifiche, nel caso di operazioni infragruppo l’accordo concluso con l’Agenzia delle Entrate per determinare il valore oggetto di agevolazione, diventerà facoltativo. In realtà, ad una prima più corretta lettura sembra che nel momento in cui la società accederà al ruling per definire il valore normale delle operazioni infragruppo necessariamente l’accordo verterà anche sulle operazioni legate agli “intangibles”.

Quanto all’ambito soggettivo la condizione per usufruire dell’agevolazione non sarà più solo legata al fatto di svolgere attività di ricerca e sviluppo in collaborazione con università e soggetti similari, ma basterà che la predetta attività sia svolta in collaborazione con altri soggetti non appartenenti allo stesso gruppo societario.

Inoltre è stata espunta dal testo originario della Legge di Stabilità la disposizione secondo cui il Decreto Ministeriale ad hoc dovrà individuare le tipologie di marchi per le quali non sarà possibile accedere al beneficio. Per cui nessuna limitazione è (sarà) prevista per tale categoria di “intangibles”.

Un ultimo aspetto riguarda i costi di attività di ricerca e sviluppo sostenuti per il mantenimento, l’accrescimento e lo sviluppo degli “intangibles”. Tale importo, infatti, può essere incrementato, fino al 30% del valore di base, delle spese sostenute per l’attività di ricerca presso altre società del gruppo.  

 

 

1 In caso di utilizzo diretto degli intangibles il procedimento che conduce alla determinazione del reddito agevolabile sarà definito in base ad un apposito accordo concluso con l’Agenzia delle Entrate (c.d. ruling).

Arte Contemporanea e tutela del diritto d’autore

 

La vendetta degli street artists

È opinione comune tra i non addetti ai lavori che la difesa del diritto di autore degli street artists sia un paradosso. Ci troviamo troppo spesso di fronte a graffiti illegittimi che imbrattano mura pubbliche o private che la mente genera immagini e pensieri reattivi legate agli strumenti per eliminare i graffiti dalle nostre strade e “punire” gli autori.

Al di fuori dei casi degli “imbrattatori” che si concentrano di solito sulle loro passioni calcistiche o politiche o sula rappresentazione falsata delle loro preferenze sentimentali c’è un mondo di writers ce reclamano una collocazione tra gli artisti e che pretendono di reclamare la “purezza” della propria forma d’arte con radici nelle opere di autori noti e quotati come Keith Haring e Jean-Michel Basquiat

Una classe di artisti  che è cresciuta tra la pop- art e la cultura hip-hop per adattarsi poi al mondo del web e dei social network nell’iper-pop che si fa conoscere come writers ed utilizza -almeno inizialmente- gli spazi urbani e suburbani e il canone estetico della bomboletta spray per approdare alla comunicazione diffusa, ai bootleg musicali, gli stickers, gli stencil e alle tante forme di recupero o “arredo” urbano presenti ormai ovunque nelle città di oggi, sui manifesti, nelle strade e nell’abbigliamento.

Molti tra gli street artists sono già entrati a pieno titolo nel canale ufficiale dell’arte, quello fatto di mostre di esposizioni di galleristi, di contratti,  di vendite ecc, pur continuando a lavorare attivamente anche in strada, ed hanno raggiunto una qualche notorietà. Come spesso accade sono quelli che provengono e operano nel mercato statunitense.

È da loro che giunge la nuova provocazione al mondo del diritto e della protezione del copyright. E’ di qualche giorno fa, infatti la notizia che Terry Gillian, il visionario membro del folle gruppo dei Monthy Python poi approdato ala regia di film arcinoti come Brazil,  La leggenda del re pescatore (The Fisher King),  L'esercito delle 12 scimmie, Paura e delirio a Las Vegas e tanti altri è stato chiamato in giudizio da alcun street artists per aver utilizzato fondali ed ambientazione nella sua ultima opera cinematografica “The Zero Theorem” che in maniera non dubbia riproducono murales di tre noti street artist presenti nella zona dei graffiti a Buneos Aires ed il cui copyright era stato registrato a Buenos Aires sotto il nome dei murales del “Castillo”.

Siamo di fronte ad un nuovo tema di protezione del copyright quello già noto della “citazione” all’interno di un opera artistica ( il film di Gilliam) di un’altra opera artistica ( il murales del Castillo) ove in qualche modo l’opera che “cita” prende valore dall’opera citata e quindi deve richiedere al copyright holder diritto di utilizzazione.

Quella dello sfruttamento non autorizzato dei murales ai fini commerciali non è una novità, soprattutto negli Stati Uniti sono molti i precedenti spesso legati a pubblicità che utilizzano come sfondo o scenario quello di grafiti e murales senza aver preventivamente ottenuto autorizzazione o licenza dall’autore.

È il caso della nota marca di abbigliamento sportivo American Eagle Outfitters che ha riconosciuto alcune centinaia di migliaia di dollari subito allo street artist AholSniffsGlue  per aver utilizzato un suo noto murale come sfondo per foto pubblicitarie della sua collezione.

L’aspetto più intrigante ed innovativo della nuova causa quella contro l’autore e regista Terry Gilliam sta nel tentativo di definizione di confine tra arte e arte dove un artista utilizza o si richiama ad un'altra opera d’arte non per plagiarla o semplicemente replicarla ma per costruire anche con l’aiuto della prima opera una nuova opera d’arte che magari sia in forma diversa o veicolata ( come il film di Gilliam) su un supporto diverso da quello dell’opera originale.

Il tema della “citazione “ dei contenuti di un’opera d’arte in Italia sembra – quantomeno sulla carta- inquadrato in uno stretto o strettissimo recinto. La legge prevede alcuni casi particolari in cui si riconosce -parziale- libero utilizzo di opere protette dal diritto d'autore. E’ il caso della riproduzione parziale o riassuntiva dei tuoi contenuti a scopo di RECENSIONE, INFORMAZIONE, CRITICA, DISCUSSIONE.  Chi si avvale di questo “diritto di Citazione” non deve farlo per fini commerciali che siano in concorrenza con gli eventuali fini commerciali dell'autore e deve in ogni caso indicare con esattezza l’autore  e l’opera citata  l’altro caso ammesso è quello dell’uso personale del fruitore che ad esempio fotografa un opera o ne salva o stampa una sua immagine al fine di poterla visionare o apprezzare in momenti diversi da quello della fruizione diretta. Anche inquesto caso, però, l’assenza di autorizzazione da parte dell’autore o del copyright holder esclude qualsiasi tipo di ripubblicazione o riutilizzo dell’immagine sia a scopo di lucro sia in assenza di un fine speculativo e in ogni caso non da diritto ad utilizzare il contenuto  parte del contenuto dell’opera per formare un nuovo oggetto o una nuova opera  o una nuova forma di espressione fondato sull’opera altrui.

A un operatore del diritto questo stretto recinto sembra bastare. Ma cosa dire quando opere artistiche, letterarie, cinematografiche sono o diventano in maniera diretta o indiretta la fonte di ispirazione di una nuova opera d’arte o di una evoluzione dell’opera originale? Cosa accade poi quando le rappresentazioni e le forme artistiche sono condivise in rete sui social network e in special modo quelle che nascono con potenzialità interattiva sono via via contaminate modificate dall’intervento del fruitore l’utilizzatore? Dov’è il confine (proteggibile o tutelabile) dell’opera originale e dove questo confine scompare per divenire patrimonio di tutti  shareware?

L’arte evolve a velocità irregolari spesso impressionanti. Il diritto rincorre, non senza affanno.

Restiamo in contatto

Ricevi gratuitamente la nostra newsletter.

Il Blog di Riccardo Rossotto

Visita il Blog di Riccardo Rossotto.

Torino
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milano
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Roma
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy
Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy