Call Us +39 011 55.84.111

Benedetta Guastoni

Benedetta Guastoni

Si occupa di diritto penale, con particolare riferimento ai reati contro il patrimonio, contro la Pubblica Amministrazione ed ai reati fallimentari.

Profilo: http://www.replegal.it/it/professionisti/tutti-i-collaboratori/465-benedetta-guastoni.html

Nuova pronuncia in tema di responsabilità dei Sindaci di una S.p.a. per bancarotta fraudolenta

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 52433 depositata il 16.11.17, ha chiarito che rispondono di bancarotta fraudolenta i sindaci che non vigilano adeguatamente sulle operazioni dolose commesse dagli amministratori. Nel fallimento conseguente ad operazioni dolose, il fallimento è solo l'effetto - dal punto di vista della causalità materiale - di una condotta volontaria, ma non intenzionalmente diretta a produrre il dissesto fallimentare. Considerato che rientrano tra le operazioni dolose sia le condotte di abuso di gestione e di infedeltà ai doveri dell’amministratore, sia gli atti di per sé pericolosi per la società, ne consegue la legittimità della pronuncia di condanna nei confronti di quei Sindaci che, a causa di un deficit di vigilanza, abbiano di fatto tollerato i falsi in bilancio commessi dagli amministratori.

Novità in materia di rogatorie ed estradizione

E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legislativo 3 ottobre 2017, n. 149: “Disposizioni di modifica del Libro XI del Codice di procedura penale in materia di rapporti giurisdizionali con autorità straniere”. Viene quindi modificata la disciplina codicistica relativa ad estradizioni, domande di assistenza giudiziaria internazionale, effetti delle sentenze penali straniere ed esecuzione all'estero delle sentenze penali italiane, nonché ai rapporti con le autorità straniere relativamente all’amministrazione della giustizia in materia penale.

Si tratta di un provvedimento finalizzato da una parte a garantire maggiore tutela ai soggetti coinvolti nei procedimenti penali e dall’altra a semplificare e rendere più efficienti le procedure di estradizione, di rogatoria dall’estero e l’esecuzione delle sentenze penali straniere in Italia.

La sentenza dichiarativa di fallimento è condizione obiettiva di punibilità

La Corte di Cassazione, con la recente sentenza c.d. “Santoro” n. 13910 del 2017, di cui sono state depositate le motivazioni il 22 marzo 2017, ha affermato che la sentenza dichiarativa di fallimento, nei reati di bancarotta prefallimentare, è da considerarsi come condizione obiettiva di punibilità ex art. 44 c.p. e non come elemento costitutivo del reato in quanto si tratta di un evento estraneo alla sfera volitiva dell’agente e che non aggrava l’offesa cagionata ai creditori. Viene quindi ristretta l’area del penalmente rilevante ai soli casi in cui alle condotte che offendono gli interessi dei creditori, segua la dichiarazione di fallimento. Ne derivano conseguenze rilevanti, in particolare per quanto riguarda il termine di prescrizione che decorre quindi dalla data della sentenza dichiarativa di fallimento e per quanto riguarda la competenza territoriale, che appartiene al giudice del luogo nel quale si è verificata la condizione.

Torino
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milano
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Roma
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy
Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy